Operazione Dinastia su mafia a Barcellona: liberi Calabrò e Benenati - Tempo Stretto - Ultime notizie da Messina e Reggio Calabria

Operazione Dinastia su mafia a Barcellona: liberi Calabrò e Benenati

Alessandra Serio

Operazione Dinastia su mafia a Barcellona: liberi Calabrò e Benenati

venerdì 27 Marzo 2020 - 07:30
Operazione Dinastia su mafia a Barcellona: liberi Calabrò e Benenati

Tornano liberi Calabrò e Benenati, arrestati nel blitz antimafia a Barcellona battezzato Dinastia. Secondo i Carabinieri gestiscono il traffico di droga

Tornano in libertà Carmelo Benenati e Mariano Calabrò, arrestati nel blitz antimafia a Barcellona dei Carabinieri battezzato Dinastia.

Il Tribunale del Riesame (presidente Micali) ha accolto la richiesta dei difensori, gli avvocati Pinuccio Calabrò, Alessandro Trovato e Carmen Zarcone, ed ha annullato l’arresto di entrambi, accusati di far parte del clan del Longano e in particolare di essere coinvolti nel business della droga.

Nei giorni scorsi il Collegio delle Libertà aveva rivisto il provvedimento del giudice per le indagini preliminari, sfociato nella retata, ed aveva scarcerato Giuseppe Puliafito, anche lui difeso dall’avvocato Calabrò) e Salvatore Chillari, assistito dall’avvocato Antonio Spiccia. Entrambi sono accusati di essere coinvolti nel traffico di droga.

Per la Direzione distrettuale antimafia, Calabrò è uno degli acquirenti della droga per il clan del Longano, insieme a Benenati. Cocaina, marijuana e hashish le sostanze che avrebbero trattato, almeno fino al 2016. Secondo i Carabinieri, che li hanno intercettati e seguiti per mesi, i due avrebbero anche avuto la disponibilità di una pistola, nel 2013.

L’operazione del Reparto Operativo dei Carabinieri, che hanno lavorato insieme alla Compagnia di Barcellona e al Comando Provinciale, hanno ricostruito i più recenti assetti della famiglia mafiosa barcellonese, mettendo in luce che le leve della gestione erano passati a tanti figli di boss storici.

La collaborazione dei pentiti e le intercettazioni degli investigatori hanno anche svelato come il clan avesse puntato nuovamente sul traffico di droga con Catania e la locride in Calabria, controllando le piazze di spaccio della cittadina e degli altri centri della zona, da Terme Vigliatore a Milazzo.

Il gruppo criminale controllava anche il pizzo sui locali della movida del comprensorio e tante altre attività economiche.

Articoli correlati

Tag:

Una donazione per un grande progetto di informazione

Abbiamo cercato in questi anni di offrirvi un'informazione puntuale e approfondita, estranea ad ogni condizionamento e sempre al passo con l'innovazione.  Così abbiamo raggiunto importanti traguardi. Ma non ci basta: vogliamo ampliare la nostra attività di informazione con più inchieste, più contenuti video e una più solida presenza nei diversi comprensori delle città metropolitane di Messina e Reggio Calabria.

E' un progetto ambizioso per il quale vi chiediamo di darci una mano effettuando una donazione: se ognuno di voi darà anche  un piccolo contributo economico, il risultato sarà eccezionale e Tempostretto sarà ancora più efficace e “vostro”.

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto.it - Quotidiano on line della Città Metropolitana di Messina

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Rosaria Brancato direttore responsabile-coordinatrice di redazione.
info@tempostretto.it

Telefono 090.9018992

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007