Dinastia, la mafia a Barcellona diversifica il business: dal pizzo alla droga - Tempo Stretto - Ultime notizie da Messina e Reggio Calabria

Dinastia, la mafia a Barcellona diversifica il business: dal pizzo alla droga

Alessandra Serio

Dinastia, la mafia a Barcellona diversifica il business: dal pizzo alla droga

sabato 29 Febbraio 2020 - 07:30
Dinastia, la mafia a Barcellona diversifica il business: dal pizzo alla droga

Il pentito racconta: in un summit mafioso venne deciso il cambio di rotta a Barcellona. Se la crisi rende poco redditizio il racket, si spinge sulla droga

Con le estorsioni non si guadagnava più, le persone denunciavano, e volevano fare con la droga che la prendeva tutta uno e di guadagnare con la droga”. Così Alessio Alesci, ex gregario del clan di Barcellona attivo nel mondo dello spaccio, spiega alla Dda di Messina il cambio di strategia della mafia della tirrenica, a metà del decennio scorso.

Il cuore dell’operazione Dinastia, fatta scattare ieri dalla Direzione distrettuale antimafia di Messina, dai Carabinieri del Reparto Operativo Speciale e del Comando Provinciale, è proprio il nuovo business dei clan di Barcellona: la droga.

Dopo un decennio in cui la piaga dello stupefacente sembrava essere stato relegato ad una “roba da tossici” ai margini della società, negli ultimi anni il fenomeno sembra essere tornato ad assumere dimensioni da allarme sociale.

Lo hanno più volte spiegato i magistrati messinesi e gli operatori del terzo settore, impegnati nel recupero dalle tossicodipendenze. Una spiegazione del perché di questa ripresa arriva ora dalle operazioni, e viene svelata proprio dagli stessi mafiosi: la criminalità ha perso gli introiti delle estorsioni a causa della crisi, e spinge sulla droga.

Alesci, arrestato nell’operazione Gotha 5, nel 2015 ha raccontato ai magistrati e ai Carabinieri del Ros di un summit avvenuto tra Spinesante e Marchesana, davanti casa di Sam Di Salvo, dove i rappresentanti dei vari gruppi del Longano si erano dati appuntamento con Lorenzo Mazzù. Era lui a comprare per tutti la droga, che forniva a tutta Barcellona, poi gli incassi si dividevano, spiega Alesci, che all’arresto dei fratelli Mazzù in Gotha 4 aveva preso e redini di tutti gli affari.

La roba, racconta, veniva custodita a casa di Tonino Biondo detto “palloncino”, arrestato nel blitz Gotha 5.

“Si è parlato che con il racket non si buscava più niente, c’era la crisi e le persone soldi non ne avevano e si è parlato di prendere la droga, la prendeva uno e valeva per tutti, il ricavato andava a tutti. Pi diri, si pigghiavano 20 chili di cocaina? La prendevamo noi barcellonesi, voi pizzautisti (abitanti di Pozzo di Gotto ndr) voi gruppo di San Giovanni e il ricavato lo dividevamo. Di riorganizzarsi con la droga perché con il racket non c’erano chiù soddi. “. spiega Alesci.

Alesci non è l’unico pentito che ha contribuito all’inchiesta sfociata nel blitz di ieri. Gli altri collaboratori di giustizia, da Aurelio Micale a Franco Munafò, hanno confermato l’enorme flusso di droga gestito dai barcellonesi, e custodito insieme alle armi non soltanto da “Palloncino”. Un tesoro, che non di rado è stato persino interrato per sfuggire agli occhi degli investigatori. Ma che i carabinieri hanno trovato lo stesso, scavando nelle zone indicate dagli ex uomini d’onore pentiti.

Articoli correlati

Tag:

Una donazione per un grande progetto di informazione

Abbiamo cercato in questi anni di offrirvi un'informazione puntuale e approfondita, estranea ad ogni condizionamento e sempre al passo con l'innovazione.  Così abbiamo raggiunto importanti traguardi. Ma non ci basta: vogliamo ampliare la nostra attività di informazione con più inchieste, più contenuti video e una più solida presenza nei diversi comprensori delle città metropolitane di Messina e Reggio Calabria.

E' un progetto ambizioso per il quale vi chiediamo di darci una mano effettuando una donazione: se ognuno di voi darà anche  un piccolo contributo economico, il risultato sarà eccezionale e Tempostretto sarà ancora più efficace e “vostro”.

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto.it - Quotidiano on line della Città Metropolitana di Messina

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Rosaria Brancato direttore responsabile-coordinatrice di redazione.
info@tempostretto.it

Telefono 090.9018992

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007