Operazione Nebrodi, liberi altri operatori dei Centri agricoli - Tempo Stretto - Ultime notizie da Messina e Reggio Calabria

Operazione Nebrodi, liberi altri operatori dei Centri agricoli

Alessandra Serio

Operazione Nebrodi, liberi altri operatori dei Centri agricoli

mercoledì 29 Gennaio 2020 - 07:30
Operazione Nebrodi, liberi altri operatori dei Centri agricoli

Altre tre scarcerazioni di altrettanti operatori dei centri di assistenza agricola coinvolti nell'operazione antimafia Nebrodi

E’ finita la prima estenuante fase post blitz Nebrodi, affidata al giudice per le indagini preliminari Salvatore Mastroeni, che ha concluso gli interrogatori di garanzia di tutti i 94 arrestati, in carcere e ai domiciliari. Alcuni sono stati sentiti per rogatoria perché reclusi in carceri di altre città, ma il grosso dei faccia a faccia con le persone coinvolte li ha condotti personalmente il giudice che ha siglato i provvedimenti, tra la casa circondariale di Gazzi e il piano seminterrato di Palazzo Piacentini, dove si trova il suo ufficio.

Ai confronti hanno hanno partecipato anche i magistrati che hanno condotto l’inchiesta, il procuratore aggiunto Vito Di Giorgio e i sostituti Fabrizio Monaco e Antonio Carchietti. I Pm hanno si sono detti favorevoli a rimettere in libertà quelli che, dopo aver risposto e aver chiarito la loro posizione, hanno chiesto la revoca della misura cautelare. E nei giorni scorsi il GUP Mastroeni ha così ridato la libertà ad alcuni di loro.

Da oggi non sono più ai domiciliari Massimo Costantini, ex direttore dell’Ufficio Provinciale Agricoltori di Messina. Accompagnato dall’avvocato Carlo Faranda, Costantini ha chiarito di non aver seguito materialmente le pratiche, affidate ad altri. Cadono i domiciliari anche per Marinella Di Marco, impiegata del CAA Acli di Cesarò, e Antonia Strangio, operatore del Centro di Assistenza Agricola Unsic Messina 003.

Nei giorni scorsi erano già tornati in libertà il sindaco di Tortorici Emanuele Galati Sardo, Barbara Crascì, Elena Pruiti, Rosa Maria Faranda e Alessio Bontempo, difesi dagli avvocati Nino Favazzo, Carmela Foti, Alessandro Pruiti, Laura Todaro e Fabio Armeli Iapichino.

La decisione del giudice riguarda il profilo delle esigenze cautelari. Restano in piedi, invece, tutti i sospetti nei loro confronti sul ruolo assunto nelle vicende scoperte dai Carabinieri. Ma l’indagine è ancora tutta aperta e gli approfondimenti sono ancora in corso.

Adesso gli arrestati hanno a disposizione un altro vaglio, quello del Tribunale del Riesame, che può confermare o revocare i provvedimenti del Gip Mastroeni.

Articoli correlati

Tag:

Una donazione per un grande progetto di informazione

Abbiamo cercato in questi anni di offrirvi un'informazione puntuale e approfondita, estranea ad ogni condizionamento e sempre al passo con l'innovazione.  Così abbiamo raggiunto importanti traguardi. Ma non ci basta: vogliamo ampliare la nostra attività di informazione con più inchieste, più contenuti video e una più solida presenza nei diversi comprensori delle città metropolitane di Messina e Reggio Calabria.

E' un progetto ambizioso per il quale vi chiediamo di darci una mano effettuando una donazione: se ognuno di voi darà anche  un piccolo contributo economico, il risultato sarà eccezionale e Tempostretto sarà ancora più efficace e “vostro”.

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto.it - Quotidiano on line della Città Metropolitana di Messina

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Rosaria Brancato direttore responsabile-coordinatrice di redazione.
info@tempostretto.it

Telefono 090.9018992

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007