"Pazza idea": l'ex Hotel Riviera all'ArisMe. Scurria: Alloggi per i baraccati - Tempo Stretto - Ultime notizie da Messina e Reggio Calabria

“Pazza idea”: l’ex Hotel Riviera all’ArisMe. Scurria: Alloggi per i baraccati

Rosaria Brancato

“Pazza idea”: l’ex Hotel Riviera all’ArisMe. Scurria: Alloggi per i baraccati

mercoledì 06 Novembre 2019 - 12:33
“Pazza idea”: l’ex Hotel Riviera all’ArisMe. Scurria: Alloggi per i baraccati

Messina- Entro fine mese sarà pubblicato il nuovo bando e l'Agenzia per il risanamento intende partecipare

Potrebbe sembrare una provocazione, soprattutto in un periodo in cui sono in tanti a storcere il naso apprendendo che avranno per vicini di casa famiglie che hanno lasciato le baracche.

Pazza idea: l’hotel all’Agenzia

In una città di perbenisti che preferiscono i “ghetti” al risanamento, l’idea dell’ArisMe può apparire come una provocazione: l’ex Hotel Riviera destinato ad alloggi per le famiglie che saranno sbaraccate. E’ ancora una “pazza idea” quella di Marcello Scurria e del Cda dell’ArisMe, ma è un modo per dare risposte concrete all’emergenza risanamento.

a.a.a vendesi

La Città Metropolitana, sull’orlo del dissesto, ha predisposto il Piano di alienazione degli immobili ed in questo contesto è stato inserito l’ex Hotel Riviera, ormai in stato di totale degrado da decenni.

Il flop del primo bando

Il precedente bando, predisposto dall’allora commissario Filippo Romano, è finito impantanato tra un contenzioso e un altro. Nel frattempo dopo quasi 20 anni l’ex albergo è in condizioni di abbandono. Entro fine mese quindi gli uffici di Palazzo dei Leoni, nell’ambito del Piano di dismissione del patrimonio immobiliare, procederanno ad un nuovo bando.

E l’ArisMe parteciperà con l’obiettivo di dare alloggi per i baraccati.

Non è più un hotel, è un relitto

Guardi, c’è ancora chi lo chiama Hotel Riviera, ma non è più un hotel da tantissimi anni- spiega ScurriaE’ un relitto ormai, altro che albergo a 5 stelle. Noi stiamo riscontrando non poche difficoltà ad acquistare alloggi sul mercato da destinare al risanamento. Ci sono diffidenze e pregiudizi nei confronti di queste famiglie. A questo punto siamo pronti ad acquistarlo noi, per una cifra accettabile, non certo a 10 milioni. Non devono più esserci ghetti, il vero risanamento è questo”.

ArisMe parteciperà al bando

Va contro corrente l’amministrazione De Luca, sebbene la partecipazione al bando potrebbe paradossalmente “risvegliare” l’interesse di quanti finora hanno lasciato “marcire” l’albergo, il cui destino, dopo l’acquisto da parte dell’ex Provincia è stato davvero inverecondo.

E c’è chi storce il naso….

Già, perché sono in tanti a storcere il naso all’idea di destinare quella palazzina proprio di fronte allo Stretto, alle famiglie provenienti dalle zone da sbaraccare. E non è detto che la partecipazione di ArisMe al bando non possa improvvisamente stimolare l’interesse di gruppi imprenditoriali con altri obiettivi rispetto a quelli dell’Agenzia.

Per noi- conclude Scurria- il risanamento è la priorità. Avrebbe dovuto esserlo per tutti anche negli anni scorsi……”

Rosaria Brancato

Articoli correlati

Tag:

Una donazione per un grande progetto di informazione

Abbiamo cercato in questi anni di offrirvi un'informazione puntuale e approfondita, estranea ad ogni condizionamento e sempre al passo con l'innovazione.  Così abbiamo raggiunto importanti traguardi. Ma non ci basta: vogliamo ampliare la nostra attività di informazione con più inchieste, più contenuti video e una più solida presenza nei diversi comprensori delle città metropolitane di Messina e Reggio Calabria.

E' un progetto ambizioso per il quale vi chiediamo di darci una mano effettuando una donazione: se ognuno di voi darà anche  un piccolo contributo economico, il risultato sarà eccezionale e Tempostretto sarà ancora più efficace e “vostro”.

4 commenti

  1. Ai baraccati e agli sfrattati cosa gli diamo la strada o i ponti ?

    0
    1
  2. Il buon Scurria, da navigato professionista , amministratore , politico ( segretatio PdS ) questa chicca poteva risparmiarla.
    A Messina , la storia ci ha insegnato che là dove si è pensato di costruire interi complessi da adibire al soddisfacimento di esigenze abitative per i meno abbienti – vedi BORDONARO ( case gialle) santalucia ( case arcobaleno ) zafferia (..) e qualt’altro , l’unico risultato ottenuto è stato quello di ghettizzare ( malavita a iosa) interi villaggi, un tempo isole felici e salotti della città.
    Lo sbaraccamento e l’integrazione dovrebbero camminare di pari passo…
    immaginare di trasferire un’intera o parte di una comunità di baraccati nel cuore del centro cittadino, sic e simpliciter da l’idea che siamo messi male , ma maleee
    … erano belli i tempi dell’assessore Bartolo Speranza…. ma per taluni il vento soffia sempre in poppa

    0
    0
  3. Mi raccomando, quando assegnate gli alloggi non vi dimenticate di mettere i portieri, uno di giorno e uno di notte. Potrebbero averne bisogno

    0
    0
  4. Mi raccomando fate lasciare anche i parcheggi per le audi o le bmw altrimenti come fanno

    1
    0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto.it - Quotidiano on line della Città Metropolitana di Messina

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Rosaria Brancato direttore responsabile-coordinatrice di redazione.
info@tempostretto.it

Telefono 090.9018992

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007