Polizia Municipale, De Luca annuncia la rivoluzione. Reagiscono i sindacati - Tempo Stretto - Ultime notizie da Messina e Reggio Calabria

Polizia Municipale, De Luca annuncia la rivoluzione. Reagiscono i sindacati

Francesca Stornante

Polizia Municipale, De Luca annuncia la rivoluzione. Reagiscono i sindacati

venerdì 01 Novembre 2019 - 08:00
Polizia Municipale, De Luca annuncia la rivoluzione. Reagiscono i sindacati

Il sindaco parla di una serie di azioni, a cominciare da visite mediche e inidonei. Durissimo il Silpol, in campo anche la Cisl Fp

Si torna a discutere di Polizia Municipale. E si riaccende lo scontro tutto interno a Palazzo Zanca. Il sindaco Cateno De Luca ha annunciato un’altra rivoluzione, questa volta nel corpo di Polizia Municipale. Cinque punti che segneranno, per l’amministrazione comunale, il cambio di passo.

La rivoluzione

Si comincerà con visite mediche per tutti gli agenti di Polizia municipale «per verificare la fondatezza dei circa 150 casi (su 313 appartenenti al corpo) di inidoneità fisica ai servizi esterni». Il sindaco vuole poi eliminare due servizi e spostare la gestione del personale e delle sanzioni in altri Dipartimenti. Si continuerà trasferendo negli altri dipartimenti il personale non più idoneo ai servizi esterni evitando di pagare indennità di varia natura non più dovuti. E ancora “smartizzazione” dei servizi ed ingenti investimenti in beni strumentali in uso al corpo. Infine, riorganizzazione degli uffici per rendere più incisiva e flessibile l’attività. Con tanto di chiusura dei comandi di Messina nord e sud che «servono solo a complicare lo svolgimento del servizio».

Le reazioni

Un annuncio che ha subito provocato una ferma reazione dei sindacati. Duramente polemico il Silpol. «In una città che muore giorno per giorno in un processo che sembra irreversibile, in una delle tante giunte notturne, e qui viene il sospetto, si decide per l’ennesima volta, udite udite, il destino della polizia Municipale di Messina» dice il segretario Pippo Gemellaro.

Un modello da piccolo Comune

Per il sindacato “si continua a fare una narrazione di un settore peculiare, la Polizia Municipale, senza alcuna cognizione di causa se non quella del gioco dei soldatini di piombo. “Pensando di mutuare un modello, anche questo rivoluzionario, che è quello del piccolo Comune, Dove tra l’altro i compiti della P.M. sono precarizzati per la solita carenza di personale. Non si è mai pensato invece che Messina continua ad essere una Città Metropolitana ed i modelli organizzativi non sono certo quelli che emergono dalle riunioni notturne che peraltro andrebbero confrontati e condivisi con le parti sindacali che, nello specifico, qualcosa in più sarebbero in grado di apportare”.

«Sindaco, faccia fare pure le visite agli operatori della Polizia Municipale, secondo quanto prevede la legge in un’azione costante di monitoraggio del personale e faccia verificare qual è lo stato di salute di chi ha fatto questo lavoro per anni e che magari non può permettersi le sedute di fisioterapia per rimettersi in forma. Valuti qual è il grado di usura di lavoratori con 56 anni di età media, per nulla disonesti e poltroni come da lei apostrofati.

Le eventuali inidoneità richiamate non sono arbitrarie o autocertificate dai lavoratori ma debitamente acclarate da medici del lavoro, per primo quello dell’Ente quando nominato e presente, che valutano la salute a garanzia del lavoratore e dello stesso datore di lavoro.

Lei può anche smontare la Polizia Municipale per “razionalizzare le spese indebitamente erogate ai lavoratori?” E magari allargare la spesa, più produttiva, per altri 10 assessori, consulenti ed istituire altri 5 Consigli di Amministrazione».

La battaglia del Silpol

Il Silpol promette battaglia a difesa dei lavoratori e soprattutto delle persone che svolgono con grande dignità questa professione senza avere alcun bisogno di autodenunciarsi di nulla.

La voce della Cisl Fp

In campo anche la Cisl Fp. «Benissimo le visite mediche ai lavoratori della Polizia Municipale, ma lo si faccia con minuziosità. Con esami adeguati, specifici ed approfonditi individuando preventivamente, con il documento di valutazione dei rischi, ogni singolo fattore perché i controlli e l’adozione di adeguati piani di prevenzione e sicurezza devono intendersi a reale tutela dei lavoratori e non solo per scovare pseudo fannulloni e fancazzisti».

«Le visite mediche, che serviranno ad accertare l’idoneità alle mansioni svolte e le eventuali limitazioni funzionali dei dipendenti, rappresentano una garanzia per tutti i lavoratori del Comune con particolare riferimento per quelli che sono esposti a maggiori rischi e fra questi, a buon titolo, i lavoratori della Polizia Municipale».

La Cisl Fp ricorda come le statistiche raccontino di una ridotta aspettativa di vita degli operatori di Polizia Municipale di ben sette anni rispetto alla media nazionale. Di come le patologie oncologiche, cardiache, osteo/articolari trovino terreno più fertile proprio fra i lavoratori di questa vilipesa categoria. E come sono statisticamente rilevanti le morti di agenti in servizio o da poco andati in quiescenza e preoccupante il numero di coloro ancora in forza al Corpo affetti da gravissime patologie.

«Si proceda con celerità e senza indugio – esorta quindi la Cisl Fp – e si presentino formalmente i numeri sul servizio visto che dai fogli di presenza giornalieri si può facilmente evidenziare come le unità adibite a servizio interno non corrispondono al rilevante conteggio presentato».

I casi e i numeri

Per il sindacato, quindi, il dato numerico va approfondito perché appare palese che gran parte di quelli che vengono considerati erroneamente “inidonei ai servizi esterni” di fatto li espletano magari con qualche limitazione.

«Ma – conclude il Coordinamento aziendale – anche con spirito costruttivo, chiediamo che i processi riorganizzativi del Corpo, necessari ed urgenti, vengano adottati con la più ampia condivisione possibile, secondo le regole contrattuali e con il necessario buon senso. E che il sindaco e l’Assessore alla Polizia Municipale ci convochino al più presto seguendo lo schema del Salva Messina».

Articoli correlati

Tag:

Una donazione per un grande progetto di informazione

Abbiamo cercato in questi anni di offrirvi un'informazione puntuale e approfondita, estranea ad ogni condizionamento e sempre al passo con l'innovazione.  Così abbiamo raggiunto importanti traguardi. Ma non ci basta: vogliamo ampliare la nostra attività di informazione con più inchieste, più contenuti video e una più solida presenza nei diversi comprensori delle città metropolitane di Messina e Reggio Calabria.

E' un progetto ambizioso per il quale vi chiediamo di darci una mano effettuando una donazione: se ognuno di voi darà anche  un piccolo contributo economico, il risultato sarà eccezionale e Tempostretto sarà ancora più efficace e “vostro”.

6 commenti

  1. Bravo sindaco, continua così. Non farti intimorire e vai avanti contro tutta questa melma che soffoca la città di Messina e e messinesi onesti.

    21
    4
  2. Non sono idonei per stare in strada, pero’ l’indennità di P.S se la prendono….

    0
    0
  3. CONCERTAZIONE, CONCERTAZIONE, CONCERTAZIONE ! Ma nessuno si è accorto che è morta e sepolta e che ha fatto tanti danni in Italia ??? Cateno, alla via così !

    0
    0
  4. la pacchia finisce

    0
    0
  5. Bene De Luca. Se ne vedono anche troppi imboscati negli uffici. Pagati da noi contribuenti.. I sindacati si rassegnino!! La pacchia sta finendo!!! Era ora!!! Questo vogliamo noi messinesi, cari sindacalisti

    1
    0
  6. L’Italia è da rivoltare come un calzino! La xxxxxxxx di certa gente è abominevole! Ma quello che più mi colpisce è il sindacato che difende questi lavativi. Riducetegli lo stipendio a 1000 euro e vediamo se non vanno fuori a svolgere il loro servizio. xxxxxxxx xxxxxxx e xxxxxxxx!

    0
    0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto.it - Quotidiano on line della Città Metropolitana di Messina

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Rosaria Brancato direttore responsabile-coordinatrice di redazione.
info@tempostretto.it

Telefono 090.9018992

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007