La ditta Schipani cita in giudizio il Comune: chiesto un risarcimento danni di 1 milione 500 mila euro - Tempo Stretto - Ultime notizie da Messina e Reggio Calabria

La ditta Schipani cita in giudizio il Comune: chiesto un risarcimento danni di 1 milione 500 mila euro

ELENA DE PASQUALE

La ditta Schipani cita in giudizio il Comune: chiesto un risarcimento danni di 1 milione 500 mila euro

venerdì 13 Gennaio 2012 - 07:43
La ditta Schipani cita in giudizio il Comune: chiesto un risarcimento danni di 1 milione 500 mila euro

I fatti risalgono al 1998 quando alla Schipani venne affidata la ristrutturazione dell’impianto del viale San Martino. I lavori terminarono con 1374 giorni di ritardo a fronte dei 180 previsti, per responsabilità che secondo il legale della ditta sono imputabili all'amministrazione

Ancora una pagina, l’ennesima, nel libro dei contenziosi burocratico-giudiziari che da anni vedono l’uno contro l’altro armati il Comune di Messina e la ditta Alfonso Schipani, per circa trent’anni responsabile degli interventi agli impianti di pubblica illuminazione della città. A scriverla è proprio l’impresa, che cita in giudizio palazzo Zanca per l’accertamento di riserve e risarcimento danni, complessivamente 1 milione e 500 mila euro circa, in merito ai lavori di “Ristrutturazione dell’impianto di pubblica illuminazione di viale San Martino”.

Secondo quanto riportato nell’atto sottoscritto dal legale dell’impresa, l’avvocato Raffaele Macrì Pellizzeri, nell’ambito del contratto sottoscritto tra la ditta e il Comune nel 1981, con delibera di giunta n°114/1998 l’esecutivo affidò alla società i lavori di ristrutturazione della pubblica illuminazione del viale, lavori che però, a causa della contemporanea realizzazione della tramvia e alle molteplici perizie di variante al progetto, hanno subito una serie di rallentamenti, imputabili peraltro, secondo quanto sostenuto dall’avvocato della Schipani, all’amministrazione comunale.
“Tutto ciò – si riporta nell’atto – ha comportato un ritardo nel fine lavori di 1374 giorni su un periodo originariamente previsto di 180 e notevoli danni come esplicitato nel registro di contabilità del 3.8.1998, del 15.5.2002 e del 3.2.2003.

E veniamo ad oggi. Con nota del 2 agosto, il Comune ha notificato all’impresa la determina dirigenziale con cui sono stati approvati gli atti contabili e finali e il certificato di collaudo, rigettando però totalmente, sottolinea il legale della Schipnai, “le richieste economiche dell’Impresa avanzate con l’iscrizione delle riserve nei registri contabili”. Tutto ciò senza tuttavia renderne note le motivazioni, che la ditta intende però ora conoscere. La richieste relative al risarcimento sono ben precise e attengono a “maggiori oneri per spese e generali e di cantieri per il prolungamento del vincolo (di lavoro)”, “lucro cessante dovuto al prolungamento dei lavori e al conseguente mancato utilizzo di forza lavoro su altri fronti”, “incremento dei costi per il prolungamento dei lavori oltre i termini contrattuali”, (complessivamente 1554). A difendere gli interessi del Comune sarà l’avvocato Arturo Merlo. (ELENA DE PASQUALE)

Tag:

Una donazione per un grande progetto di informazione

Abbiamo cercato in questi anni di offrirvi un'informazione puntuale e approfondita, estranea ad ogni condizionamento e sempre al passo con l'innovazione.  Così abbiamo raggiunto importanti traguardi. Ma non ci basta: vogliamo ampliare la nostra attività di informazione con più inchieste, più contenuti video e una più solida presenza nei diversi comprensori delle città metropolitane di Messina e Reggio Calabria.

E' un progetto ambizioso per il quale vi chiediamo di darci una mano effettuando una donazione: se ognuno di voi darà anche  un piccolo contributo economico, il risultato sarà eccezionale e Tempostretto sarà ancora più efficace e “vostro”.

3 commenti

  1. Per responsabilità dei politici e dei dirigenti del Comune siamo fatti prima CORNUTI(lavoti pubblici pietosi) e poi MAZZIATI (ci chiedono pure i danni),tanto pagano i messinesi.
    Ma nell’Area Sindaco non c’è l’Avvocatura? L’Area del Segretario Generale non si occupa di bandi di gare e contratti? Non paghiamo questi Dirigenti per prevenire i casi come quello della ditta Schipani?

    0
    0
  2. Si si … aspetta che ora te li sta dando!

    0
    0
  3. grazie a Buzzanca… un altro regalo del nostro sindaco alla cittadinanza… debiti su debiti su debiti….

    0
    0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto.it - Quotidiano on line della Città Metropolitana di Messina

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Rosaria Brancato direttore responsabile-coordinatrice di redazione.
info@tempostretto.it

Telefono 090.9018992

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007