Messina cerca di riappropriarsi della condotta Alcantara: ecco come - Tempo Stretto - Ultime notizie da Messina e Reggio Calabria

Messina cerca di riappropriarsi della condotta Alcantara: ecco come

Messina cerca di riappropriarsi della condotta Alcantara: ecco come

mercoledì 07 Marzo 2012 - 00:44
Messina cerca di riappropriarsi della condotta Alcantara: ecco come

Ieri seduta in commissione “Ambiente e Territorio” dedicata all’emergenza idrica per la città e la provincia jonica. Chiesto alla Regione di diminuire le tariffe o in alternativa di intervenire finanziariamente. E Siciliacque…

La recente emergenza idrica che ha coinvolto la città per il guasto sulla condotta Fiumefreddo, ha nuovamente riaperto il dibattito sulla necessità di riappropriarsi, anche solo parzialmente, dell’acqua proveniente dall’Alcantara. Una situazione di difficoltà denunciata solo qualche settimana fa dai rappresentanti della segreteria tecnica operativa dell’Ato idrico 3, al fianco della quale si sono schierati enti locali e Amam. Ieri, su proposta del deputato regionale Nino Beninati, si è tenuta una seduta della commissione “Ambiente e Territorio” dell’Ars alla quale hanno preso parte anche i soggetti istituzionali interessati al trasferimento della risorsa idrica dal sistema Alcantara: in rappresentanza del presidente della Provincia, l’assessore Bisignano; i dirigenti della Sto, Trovato e Santalco; il Dg dell’Amam La Rosa; e i deputati Currenti, Panarello e Buzzanca (anche nelle vesti di sindaco di Messina). Oltre all’amministratore di Siciliacque Albani e ai dirigenti regionali competenti.

Ad introdurre il dibattito il promotore Beninati, che ha tracciato l’excursus che ha portato Messina a dovere rinunciare all’Alcantara, nonostante la società d’ambito si senta ancora in diritto di poterne chiedere l’usufruizione. Per alcuni la città e la provincia jonica non avrebbero bisogno di questa fonte, ma quanto accaduto la scorsa settimana ha testimoniato che così non è. Il problema sta però, così come è stato fino ad oggi evidenziato, nell’esosità della tariffa imposta da Siciliacque, concessionario della gestione dell’Alcantara. Viene chiesto circa 0,69 centesimi per metro cubo, un costo che per l’Amam è insostenibile e che potrebbe essere coperto solo aumentando in maniera esponenziale le bollette dell’utenza. Per cercare di convincere la Regione, ente che ha fissato il prezzo del costo dell’acqua, è stato fatto riferimento al piano regolatore degli acquedotti: la condotta infatti viene ritenuta come sovrambito, mentre invece è evidentemente appartenente all’ambito dell’Ato 3 Messina (comprendente anche la zona jonica) e al massimo estendibile a quello di Catania. Nulla a che vedere con il progetto in fase di definizione per il trasferimento dell’acqua al sistema Ancipa, che serve diversi comuni delle province di Enna, Caltanissetta e della Piana di Catania. Circa 20 milioni: è a quanto ammonta l’investimento, coperto con fondi Apq. Un’operazione che ridurrà di 250 l/sec (portata media espressa in litri al secondo) l’erogazione dei circa 420 l/sec che Siciliacque deve garantire ai comuni della fascia jonica che si servono dell’Alcantara nonostante i prezzi elevati.

Assente l’assessore Russo per concomitanti impegni, il presidente della commissione ha rinviato ad una successiva seduta l’incontro tra le parti e l’esponente della giunta Lombardo. La proposta, avanzata sempre da Beninati e condivisa da Panarello e Buzzanca, è di presentare un articolo alla prossima finanziaria per coprire economicamente, tramite il bilancio regionale, la differenza tra i costi sostenibili dall’Amam e l’effettivo ammontare che Messina dovrebbe corrispondere in rapporto alle tariffe vigenti (e che Buzzanca e La Rosa chiedono di abbassare, livellandole al Fiumefreddo). Una cifra che si aggirerebbe intorno ai 2-3milioni di euro. Ma la partita è aperta anche sotto un altro fronte. Si è infatti scoperto che la Siciliacque possiede una concessione “in itinere” sull’Alcantara, in quanto non è ancora stato ultimato l’iter di affidamento definitivo della gestione. Servirebbe una battaglia politica unitaria per riportare l’acqua dell’Alcantara a Messina, così come era stato deciso parecchi anni fa destinando i fondi per il mezzogiorno alla costruzione dell’acquedotto. Attesa sull’argomento una presa di posizione degli esponenti del “Forum per l’acqua pubblica”. (ER)

Tag:

4 commenti

  1. SERVIREBBE,SI FAREBBE,VEDREMO,PRESENTEREMO E CI RIUNIREMO. E’ TUTTO QUELLO CHE FAREMO.QUANDO NON SI SA ,IL CANTIERE LO APRIREMO.

    0
    0
  2. Burrascano…. è la regione che decide….I nostri politici possono presentare le loro richieste…… ma siamo sotto dittatura…. non lo hai capito? Messina è una colonia.
    Il territorio della provincia messinese, il demanio e quant’altro non è dei messinesi ma della regione……per questo dobbiamo lottare per la provincia autonoma come Trento e Bolzano…..che non hanno accettato la dipendenza da un capoluogo che nulla ha a che vedere con lor,o perchè distante 100 km. Noi siamo a circa 250 km. E’ più vicina Napoli a Bari o a Roma, Torino a Genova o a Milano….siamo un’altro mondo rispetto a Palermo ….La Sicilia è troppo grande per essere un’unica regione.

    0
    0
  3. Non comprendo in virtù di quale princpio Siciliacque vanta un diritto soggettivo territoriale sull’Alcantara, un fiume che scorre per gran parte in territorio messinese. Dato che da sempre, e sottolineo sempre, l’Alcantara è stato un acquedotto messinese, mi chiedo per quale motivo sostanziale e territoriale dovrebbe pagare una sola lira a Siciliacque.

    0
    0
  4. E’ bastato qualche collegamento su Google per capire il business dell’acqua e non solo in Sicilia. Un intreccio di società fra pubblico e privato dove quest’ultimo la fa da padrone. E sono talmente tante le società che lucrano sulle sorgenti locali che si può parlare benissimo di speculazione. L’acqua non è benzina. L’acqua è un bene di tutti e dovrebbe costare quasi nulla. A Messina una famiglia di 4 persone paga circa 350 euro l’anno di acqua, ovvero un euro circa al giorno.
    Se facessimo un’ipotesi di captazione delle sorgenti dei monti Peloritani quanta acqua potrebbe avere Messina con una gestione diretta? Chi ha mai condotto un’indagine seria in questo senso? Certo è facile affidarsi al privato Sicilacque e scaricarsi la coscienza di amministratori pubblici…

    0
    0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto.it - Quotidiano on line della Città Metropolitana di Messina

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Rosaria Brancato direttore responsabile-coordinatrice di redazione.
info@tempostretto.it

Telefono 090.9412305

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007

x