"Io voglio essere libero". A tu per tu con Dejen, 19enne eritreo ospite del PalaNebiolo - Tempostretto

“Io voglio essere libero”. A tu per tu con Dejen, 19enne eritreo ospite del PalaNebiolo

Veronica Crocitti

“Io voglio essere libero”. A tu per tu con Dejen, 19enne eritreo ospite del PalaNebiolo

venerdì 11 Ottobre 2013 - 15:57

Ha 19 anni e viene da Asmara. La sua famiglia è rimasta in Eritrea. Per arrivare in Italia Dejen ha varcato 5 Stati, ha sopportato 24 ore di viaggio in mare ed ha pagato 47.000 dollari. "Voglio solo un futuro".

“Per arrivare in Italia ho attraversato cinque Stati ed il mare”.

Dejen ha 19 anni, è giovanissimo e sorride sempre. E’ timido ma vuole raccontare la sua storia. Lui parla, gli altri ascoltano.

Conosce l’inglese perché nel suo Paese, da una certa età in poi, tutte le scuole hanno come lingua madre l’inglese. “Vengo dall’Eritrea, esattamente da Asmara, la capitale”.

Dejen si trova in Italia da 23 giorni, era a Lampedusa, poi a Pozzallo, al Centro di Primo Soccorso e Accoglienza.

Il 9 ottobre, insieme ad altri 39 ragazzi, è salito su un pullman in direzione di Messina.

Ha la sua brandina adesso, la sua asciugamano, il suo sapone per lavare i vestiti.

“Da oggi abbiamo anche gli stendini, così si evita che il vento butti giù tutto dagli alberi. Qui si sta bene, è confortevole. A Pozzallo era terribile”.

Dajen ha cominciato il suo viaggio dalla lontana Africa subsahariana. Eritrea, Etiopia, Sudan, Egitto ed infine Libia.

“In Libia mi sono imbarcato su una nave. Eravamo duecento, il viaggio è durato 24 ore. Non è stato facile, ho avuto paura. Ma io almeno sono sbarcato sano e salvo. Stare due giorni in mare è difficile, talvolta le onde erano alte e la nave si muoveva troppo velocemente, a destra e sinistra. Sì, ho pensato spesso che non saremmo arrivati”.

Il viaggio di Dejen è costato 1.600 dollari, mentre per arrivare in Libia ne ha spesi 5.400. Ma è stato proprio in Libia che Dejen ha dovuto pagare il prezzo più alto: 40.000 dollari. “Per la protezione, per uscire sano e salvo, se no lì ti sparano”.

In Italia lui vuole rimanerci. “Non so in quale città, ma voglio stare qui. Voglio studiare, voglio iscrivermi a scuola, voglio imparare. No, in questi giorni non ho potuto sentire la mia famiglia, loro sono rimasti in Eritrea. Qui ci hanno dato una scheda telefonica, ma non ho telefono, quindi devo aspettare di poter uscire per chiamare”.

Dejen non è scappato dalla guerra, Dejen è partito alla ricerca di un futuro migliore. “No, la guerra nella mia città non c’è, ma c’è la povertà, c’è la miseria. Non c’è istruzione, non c’è futuro. Ed io un futuro lo voglio”.

L’immagine che l’Italia suscita nella sua mente è quella di un posto bello, sicuro, libero.

Freedom. Sì, cerco la libertà. Cerco una casa. So che qui staremo solo per poco, potremmo passare il pomeriggio giocando a calcio o a pallavolo. Sarebbe una bella idea, ma comunque io non vedo l’ora di poter proseguire. Io voglio essere libero”.

Veronica Crocitti

@VCrocitti

Tag:

3 commenti

  1. Intervista commovente ma che non risolverà nessun problema e consentirà l’arricchimento dei nuovi schiavisti e delle mafie a loro collegate.
    BISOGNA PORTARE AIUTO NEI LORO PAESI!!!

    0
    0
  2. Ma scusate, viene dall’eritrea per sfuggire alla fame…uno che paga 47 mila dollari ha fame? Ma non bastavano 50 centesimi al giorno per sfamare un bambino in africa e ora viene fuori che se riesci a mettere da parte tutti quei soldi non puoi creare qualcosa di redditizio nel tuo paese? Mah mi sembra che ci prendono leggermente per i fondelli, cari amici come si suol dire boni si ma fissa no!
    Ora aspetto le risposte dei benefattori dell’umanita che diranno che i soldi se li fanno prestare…ma fatemi il piacere a queste stroxxate ci cascano solo i polli!!!

    0
    0
  3. la mia proposta è semplice:inizierei inviando un’unità di 5 “clandestini”non migranti come li chiamano adesso a tutti i nostri politici,poi farei un censimento di tutti i benefattori prendendo nomi e cognomi e obbligherei a tenerne 2 unità a famiglia.Così si potranno chiudere i centri d’accoglienza e assicurare un futuro radioso nella nostra ricca e prosperosa nazione a tutti coloro che si trasferiranno nel nostro paese portando un bagaglio di conoscenze che contribuirà a migliorare questo paese ridotto ormai alla fame!!!

    0
    0

Rispondi a MESSENION Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Commenta
Tempostretto - Quotidiano online delle Città Metropolitane di Messina e Reggio Calabria

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Carmelo Caspanello direttore responsabile-coordinatore di redazione.
info@tempostretto.it

Telefono 090.9412305

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007