"Malaluna" di Vincenzo Pirrotta: un cantastorie a Tindari - Tempo Stretto - Ultime notizie da Messina e Reggio Calabria

“Malaluna” di Vincenzo Pirrotta: un cantastorie a Tindari

Al.Ser.

“Malaluna” di Vincenzo Pirrotta: un cantastorie a Tindari

Al.Ser. |
sabato 22 Agosto 2015 - 08:11
“Malaluna” di Vincenzo Pirrotta: un cantastorie a Tindari

Tornano a Tindari i pupi del cantastorie siciliano che racconta l'anima contraddittoria e meticcia di Palermo. Domenica sera al Teatro Greco.

Torna a Tindari il puparo e cantastorie Vincenzo Pirrotta, in scena al Teatro Greco con Malaluna domenica 23 agosto alle 21.15.
Pièce musical-teatrale per chitarra e percussioni (suonate da Luca Mauceri), “Malaluna” è un flusso continuo di memorie e di immagini evocate da Pirrotta con il corpo e soprattutto con la voce, vero e proprio strumento musicale che con timbri e tonalità diverse riesce a ricreare le sonorità mediterranee e i rumori quotidiani e al contempo arcaici di Palermo, raccontata dall’autore con l’animo dell’innamorato e il piglio del testimone.
È il capoluogo siculo il grande protagonista della narrazione, con la sua anima meticcia, per metà occidentale e per metà ancora araba, con le sue tante contraddizioni e la sua umanità varia e dolorosa.
Fra “Pasque mafiose”, in cui il capretto diventa un essere umano sgozzato per vendetta, le “bottane” di piazza Marina, vedove bianche di pescatori che non riescono a tenere a freno il desiderio, uomini accalcati come formiche alla festa di Santa Rosalia e le voci tumultuose del mercato, Pirrotta racconta la “sua” Palermo attraverso veloci istantanee fotografiche che riescono a descrivere l’insieme sfaccettato e altrimenti inafferrabile della città.
Il ritratto che ne viene fuori è quello di una Palermo a due facce, un po’ dottor Jekyll e un po’ mister Hide, illuminata da una luna bella e vagamente ostile, luminosa e allo stesso tempo oscura. Da una parte l’immagine di una città straordinaria e piena di colori, dall’altra la realtà “sconcia, slabbrata e brutale” della mafia e della sopraffazione.
“Questo spettacolo – racconta il protagonista, allievo di Mimmo Cuticchio ed erede della tradizione dei cuntisti – è nato qualche anno fa con Peppe Lanzetta dall’intenzione di raccontare Napoli e Palermo, due città cosmopolite che si scontrano con una classe politica che non sa tenere conto della loro grandezza. Poi la produzione si è disinteressata al lavoro e io ho deciso di proseguire da solo. Vi ho aggiunto nuovi segmenti e altri monologhi, ampliando e arricchendo lo spettacolo. Attraverso racconti terribili, in “Malaluna” vogliamo mettere a confronto la città moderna con il ricordo di una Palermo che non c’è più, denunciando i cambiamenti che hanno avvilito la parte poetica di questo luogo”.

Tag:

Insieme per un grande progetto di informazione

Abbiamo cercato in questi anni di offrirvi un'informazione puntuale e approfondita, estranea ad ogni condizionamento e sempre al passo con l'innovazione. Ci siamo guadagnati la vostra fiducia lavorando con impegno. Abbiamo fatto qualche errore,ovviamente, ma non abbiamo mai derogato al nostro intento di libertà. Così abbiamo raggiunto importanti traguardi. Ma non ci basta: vogliamo ampliare la nostra attività di informazione con più inchieste, maggiori contenuti video e una più solida presenza nei diversi comprensori delle città metropolitane di Messina e Reggio Calabria. E‘ un progetto ambizioso per il quale vi chiediamo di darci una mano effettuando una donazione: se ognuno di voi darà anche un piccolo contributo economico, il risultato sarà eccezionale e Tempostretto sarà ancora più efficace e “vostro”.

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto.it - Quotidiano on line della Città Metropolitana di Messina

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Rosaria Brancato direttore responsabile-coordinatrice di redazione.

Danila La Torrevice coordinatrice di redazione.

info@tempostretto.it

Telefono 090.9018992

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007