Tram a Messina, l'Atm risponde alla Uil: "Binario singolo solo per 745 metri" - Tempo Stretto - Ultime notizie da Messina e Reggio Calabria

Tram a Messina, l’Atm risponde alla Uil: “Binario singolo solo per 745 metri”

Redazione

Tram a Messina, l’Atm risponde alla Uil: “Binario singolo solo per 745 metri”

mercoledì 22 Settembre 2021 - 07:05

L'azienda risponde al sindacato che aveva definito una "bestemmia" la scelta di eliminare un binario in due tratti della città

MESSINA – L’Atm risponde in maniera dura e netta all’attacco ricevuto da parte della Uil, che aveva definito “una bestemmia” la scelta di passare al binario unico in alcune parti della città, nel nuovo progetto della linea tramviaria. L’azienda utilizza in apertura del documento diffuso ieri pomeriggio toni duri: “Non ci interessa ironizzare sul pressapochismo che certi rappresentanti dei lavoratori prestati alla contrapposizione politica intendono portare avanti, anche perché francamente c’è poco da sorridere se il livello del dibattito è quello che ci viene proposto. Lasciando ad altri certe definizioni quali bestemmia, termine peraltro piuttosto sgradevole, dire che la linea tramviaria passa a binario unico riflette una certa ignoranza (nel senso che si ignora o si vuole ignorare) il reale contenuto delle scelte dell’Amministrazione Comunale e dell’Atm”.

A binario unico solo il 10% del tracciato

“Orbene i tratti a binario singolo”, spiega Atm nella nota, “con evidente reale e concreto beneficio per l’economia e la vivibilità di zone importanti della città (oltre che di sicurezza), che tanto preoccupano l’attenta sigla sindacale sono di soli 745 metri: ovvero poco meno del 10%”. L’attacco alla Uil, inoltre, passa dalle condizioni del parco rotabile “ereditato” dall’attuale Atm, che quindi chiede ironicamente al sindacato dove fosse in passato.

“Spostare una linea tranviaria, per chi è abituato a trattare solo di tessere e diritti dei singoli, può sembrare qualcosa di elementare”, si legge all’interno del documento. “Tali modifiche richiedono studi, tavoli di confronto, pianificazione ed una struttura urbana e socio-economica in grado di affrontare sconvolgimenti paragonabili a quanto si è dovuto affrontare alla fine degli anni 90 per la realizzazione dell’attuale infrastruttura. L’Amministrazione Comunale, anche qui dopo anni di inerzia, ha avviato e concluso il percorso per la prima stesura del Piano Urbano della Mobilità Sostenibile: sarebbe interessante conoscere quali proposte concrete sono state consegnate dalla Uil, e per essa dal segretario Barresi, ai tavoli di confronto organizzati e coordinati dall’Assessore Mondello”.

900mila euro per l’infomobilità

I vertici di Atm, infine, specificano di aver sbloccato “dopo anni di inerzia i finanziamenti della Cura del ferro, appaltato la progettazione per gli interventi puntuali di miglioramento dell’armamento, progettato e richiesto l’ammissione a finanziamento per il quale si attende il decreto di 900mila euro della Regione da investire sull’infomobilità”. L’azienda, in chiusura, invita al dialogo e al confronto la cittadinanza, le associazioni e i sindacati, al fine di evitare scontri e preferendo “il costruire al demolire a ogni costo”.

4 commenti

  1. MONDELLO STEFANO 22 Settembre 2021 09:35

    ….. Binario unico per favorire il commercio, OK.
    ……Restyling di Piazza della Repubblica, si toglie la possibilità di attestare un capolinea provvisorio in occasione di una interruzione della linea verso nord (vedi 15 agosto o motivi di carattere tecnico ) KO.
    ….. Non sono laureato in ingegneria trasportistica né in mobilità sostenibile, ma perché non si è pensato al prolungamento della linea tranviaria del capolinea sud fino alla fermata FIUMARA GAZZI della metroferrovia? Mi sorge un dubbio: della integrazione dei mezzi su gomma con la linea ferroviaria all’ ATM non gli importa nulla.
    Cordialmente
    STEFANO

    4
    0
  2. E’ una follia l’idea di far ripartire il commercio in una zona togliendo un binario del tram. E’ una follia togliere un binario di una linea tranviaria in esercizio (se mai vorranno poi rimetterlo tra permessi,certificazioni etc saranno dolori).
    Il commercio è “morto” per via della grande distribuzione, vendita online e sopratutto a Messina spopolamento! Chi sostiene il contrario vive su un altro pianeta. Tra l’altro il tram passando davanti al porto dove sbarcano i croceristi potrebbe essere un valido aiuto per il commercio delle zone raggiunte dalla linea.

    6
    0
    1. Penso serva solo a dare un contentino a chi aveva ricevuto come promessa l’eliminazione del tram.

      1
      1
  3. A chi ignora o vuole ignorare😏🤔, ha messo in conto in che cosa potrebbe incappare il tram sul binario unico? ….in caso di guasto, con un binario unico e in mancanza totale di comunicazione essendo i tram ogni 7 minuti non si corre il rischio che si scontrino nel caso di guasto pure ai semafori..??? Capisco che siete quelli del TRAM VOLANTE.😳😱…ma cercate di non ritornare con le idee campate in aria 😏

    0
    0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto - Quotidiano online delle Città Metropolitane di Messina e Reggio Calabria

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Carmelo Caspanello direttore responsabile-coordinatore di redazione.
info@tempostretto.it

Telefono 090.9412305

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007

x