Coronavirus. All'Università una maschera da snorkeling diventa maschera per la terapia intensiva - Tempo Stretto - Ultime notizie da Messina e Reggio Calabria

Coronavirus. All’Università una maschera da snorkeling diventa maschera per la terapia intensiva

Francesca Stornante

Coronavirus. All’Università una maschera da snorkeling diventa maschera per la terapia intensiva

lunedì 23 Marzo 2020 - 18:37

Oggi il test per sperimentare la trasformazione di una maschera Decathlon in una maschera adatta per la terapia sub-intensiva

Da una maschera da snorkeling a una maschera per la terapia intensiva. In questa emergenza Coronavirus, l’Università di Messina continua a restare in prima linea. Così, dopo la produzione made in Messina di un gel igienizzante per le mani, ecco un’altra sperimentazione che stavolta arriva dal Dipartimento di Ingegneria.

La trasformazione di una maschera da snorkeling, commercializzata da una nota azienda di articoli sportivi, in una maschera C-PAP ospedaliera per terapia subintensiva sarà testata oggi stesso dall’AOU  ‘G. Martino’- ha detto il Rettore, prof. Salvatore Cuzzocrea-. Si tratta del terzo segno tangibile, dopo la produzione del gel disinfettante e l’apertura di uno sportello di ascolto psicologico,  frutto del lavoro delle eccellenze del nostro Ateneo. Ringrazio il Dipartimento di Ingegneria per quanto è riuscito a produrre in pochissime ore,  a dimostrazione del fatto che siamo vigili e che il nostro impegno è costante”.

E’ una rete formata dalle competenze nella stampa 3D, presenti al Dipartimento di Ingegneria  e presso l’ azienda Irritec di Capo d’ Orlando (con la collaborazione dell’ing. Sveva Arcovito di Sicindustria),  che sta realizzando la trasformazione della maschera da snorkeling commercializzata da Decathlon in una maschera C-PAP ospedaliera per terapia subintensiva.

Prendendo spunto dall’idea sviluppata dall’ing. Cristian Fracassi di Isinnova – che ha messo a disposizione i disegni gratuitamente – il prof. Giacomo Risitano, ricercatore di “Costruzioni di macchine”, l’Ing. Filippo Cucinotta, docente a contratto di Disegno Tecnico Industriale e il dottorando Fabio Salmeri del Dipartimento di Ingegneria di UniMe, coordinati dal Direttore del Dipartimento prof.ssa Candida Milone, hanno messo a punto la stampa del componente, prototipo per il raccordo della maschera al respiratore e realizzato il dispositivo.

Articoli correlati

Tag:

Una donazione per un grande progetto di informazione

Abbiamo cercato in questi anni di offrirvi un'informazione puntuale e approfondita, estranea ad ogni condizionamento e sempre al passo con l'innovazione.  Così abbiamo raggiunto importanti traguardi. Ma non ci basta: vogliamo ampliare la nostra attività di informazione con più inchieste, più contenuti video e una più solida presenza nei diversi comprensori delle città metropolitane di Messina e Reggio Calabria.

E' un progetto ambizioso per il quale vi chiediamo di darci una mano effettuando una donazione: se ognuno di voi darà anche  un piccolo contributo economico, il risultato sarà eccezionale e Tempostretto sarà ancora più efficace e “vostro”.

2 commenti

  1. opinionleader 23 Marzo 2020 21:16

    Diamo massima diffusione e supporto a questa iniziativa che potrebbe rivelarsi essenziale contro il coronavirus !! Avanti, scienziati, non mollate !!!

    1
    0
  2. all’università di messina gli scienziati non esistono semplicemente si continuano a mangiare quei quattro soldi che potrebbero servire nel sociale

    0
    0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto.it - Quotidiano on line della Città Metropolitana di Messina

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Rosaria Brancato direttore responsabile-coordinatrice di redazione.
info@tempostretto.it

Telefono 090.9018992

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007