Anno giudiziario 2020, De Lucia: a Messina è allarme droga - Tempo Stretto - Ultime notizie da Messina e Reggio Calabria

Anno giudiziario 2020, De Lucia: a Messina è allarme droga

Alessandra Serio

Anno giudiziario 2020, De Lucia: a Messina è allarme droga

sabato 01 Febbraio 2020 - 18:10
Anno giudiziario 2020, De Lucia: a Messina è allarme droga

Le organizzazioni criminali messinesi si stanno riorganizzando e armando investendo massicciamente nel traffico di droga

Abbiamo una emergenza che ha assunto dimensioni considerevoli, ed è quella della droga. Sia nel territorio cittadino che nei comuni della provincia la criminalità organizzata è tornata ad investire massicciamente nella droga”.

L’allarme, lanciato alla cerimonia di apertura dell’anno giudiziario 2020, è del procuratore capo di Messina Maurizio De Lucia.

Il capo dell’ufficio ha ribadito, davanti ai rappresentanti del Governo, del Csm e alle altre autorità presenti alla cerimonia, l’alert lanciato a più riprese dagli altri componenti del suo ufficio, nell’ultimo anno, dopo ogni importante operazione di polizia.

Ovvero che recentemente il consumo di droga è tornato a crescere in maniera allarmante, come non accadeva da decenni, e con esso lo spaccio e il traffico da parte delle organizzazioni criminali.

“La droga continua ad essere il business principale delle organizzazioni criminali sia della città che della provincia, è attraverso questo canale che la mafia sovvenziona gli altri affari, è attraverso la droga che le organizzazioni mafiose si ricostituiscono”.

Ed è una mafia, sottolinea De Lucia, che ha dimostrato di essere ancora forte e presente in tutte le realtà territoriali. Sia in provincia nella zona tirrenica, come ha dimostrato la recente operazione Nebrodi, che in città come testimoniato dall‘operazione Predominio scattata a dicembre scorso.

L’altro dato preoccupante che queste ultime due recenti inchieste dimostrano, spiega il procuratore capo di Messina, “sono i ritrovamenti di armi avvenuti durante le operazioni. La criminalità è ancora pericolosa, possiede un elevato contingente armato.”

Per lottare efficacemente contro la mafia, quindi, ha ribadito De Lucia, occorrono uomini e mezzi, spesso negati a Messina, dove però, ha sottolineato il Procuratore proprio in apertura del suo intervento: “…la qualità e l’efficacia degli investigatori, degli uomini del mio ufficio come dei giudici continua a crescere ed è elevatissima. Dimostrazione ne è ad esempio l’operazione Terzo Livello: una operazione importante e complessa sotto l’aspetto dei reati contestati e delle personalità coinvolte, colletti bianchi ed esponenti politici. Ebbene a poco più di un anno dall’arresto abbiamo già la sentenza di primo grado e le motivazioni depositate”.

Articoli correlati

Tag:

Una donazione per un grande progetto di informazione

Abbiamo cercato in questi anni di offrirvi un'informazione puntuale e approfondita, estranea ad ogni condizionamento e sempre al passo con l'innovazione.  Così abbiamo raggiunto importanti traguardi. Ma non ci basta: vogliamo ampliare la nostra attività di informazione con più inchieste, più contenuti video e una più solida presenza nei diversi comprensori delle città metropolitane di Messina e Reggio Calabria.

E' un progetto ambizioso per il quale vi chiediamo di darci una mano effettuando una donazione: se ognuno di voi darà anche  un piccolo contributo economico, il risultato sarà eccezionale e Tempostretto sarà ancora più efficace e “vostro”.

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto.it - Quotidiano on line della Città Metropolitana di Messina

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Rosaria Brancato direttore responsabile-coordinatrice di redazione.
info@tempostretto.it

Telefono 090.9018992

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007