Caso Fenapi, scontro in aula sulle denunce dell'avv. Cicala - Tempo Stretto - Ultime notizie da Messina e Reggio Calabria

Caso Fenapi, scontro in aula sulle denunce dell’avv. Cicala

Alessandra Serio

Caso Fenapi, scontro in aula sulle denunce dell’avv. Cicala

martedì 17 Dicembre 2019 - 07:30
Caso Fenapi, scontro in aula sulle denunce dell’avv. Cicala

Accusa e difensori di Cateno De Luca battagliano sulle denunce dell'avvocato Cicala, accusatore de sistema Fenapi

Udienza movimentata, ieri, al processo sul caso Fenapi, che vede tra gli imputati il sindaco di Messina Cateno De Luca, creatore a suo tempo del patronato. Sul banco dei testimoni, infatti, ieri c’era un personaggio chiave, l’avvocato Giovanni Cicala. Il professionista è uno dei principali “accusatori” del sistema Fenapi, perché alla fine di un travagliato rapporto professionale con De Luca ha messo nero su bianco una serie di fatti e denunce, entrate nell’indagine della Guardia di Finanza. Nominato da De Luca al Caf del patronato, se ne andò segnalando ai finanzieri una serie di presunte irregolarità riscontrate.

Cicala è stato esaminato dal pubblico ministero Francesco Massara, che ha avuto il suo bel da fare a rimbottare all’avvocato Giovanni Mannuccia, tra i difensori di De Luca. Lo scontro si è animato in particolare proprio sulle querele di Cicala, che alla fine non sono entrate nel fascicolo processuale, come chiesto dal legale e come invece avrebbe voluto l’Accusa.

Cicala ha ripercorso il rapporto con De Luca, le imprese, gli incontri avuti e quello che poi non si è sviluppato, delle cose programmate. Sebbene per gran parte dei fatti non ha risposto alle domande, avvalendosi del segreto professionale, per altri fatti avrebbe, secondo il giudice, effettuato dichiarazioni ulteriori rispetto a quanto già messo per iscritto nelle iniziali verbalizzazioni. La dottoressa Monforte, quindi, che conduce il processo, lo ha ammesso come “teste assistito”.

Col braccio di ferro tra Accusa e difesa di ieri la “parentesi” Cicala non si è chiusa. L’avvocato tornerà infatti in aula il prossimo 7 febbraio per sottoporsi ad altre domande del PM. Previste, a seguire, le audizioni di due consulenti tecnici e contabili che hanno coadiuvato i finanzieri durante le indagini sui bilanci di Fenapi e delle società collegate.

Articoli correlati

Tag:

Una donazione per un grande progetto di informazione

Abbiamo cercato in questi anni di offrirvi un'informazione puntuale e approfondita, estranea ad ogni condizionamento e sempre al passo con l'innovazione.  Così abbiamo raggiunto importanti traguardi. Ma non ci basta: vogliamo ampliare la nostra attività di informazione con più inchieste, più contenuti video e una più solida presenza nei diversi comprensori delle città metropolitane di Messina e Reggio Calabria.

E' un progetto ambizioso per il quale vi chiediamo di darci una mano effettuando una donazione: se ognuno di voi darà anche  un piccolo contributo economico, il risultato sarà eccezionale e Tempostretto sarà ancora più efficace e “vostro”.

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto.it - Quotidiano on line della Città Metropolitana di Messina

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Rosaria Brancato direttore responsabile-coordinatrice di redazione.
info@tempostretto.it

Telefono 090.9018992

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007