Coronavirus a Messina, preoccupa la situazione all'Hotel Europa - Tempo Stretto - Ultime notizie da Messina e Reggio Calabria

Coronavirus a Messina, preoccupa la situazione all’Hotel Europa

Alessandra Serio

Coronavirus a Messina, preoccupa la situazione all’Hotel Europa

mercoledì 25 Marzo 2020 - 19:21
Coronavirus a Messina, preoccupa la situazione all’Hotel Europa

Si allenta la tensione all'Hotel Europa, dove sono stati destinati alla quarantena i sinti autorizzati al traghettamento dal prefetto di Reggio. Tutti vogliono tornare a Siracusa

E’ stata una giornata complessa di dialogo e “trattative”, quella di oggi all’Hotel Europa, dove circa 60 persone di etnia sinti sono in quarantena per disposizione del Governatore Musumeci, dopo la decisione del prefetto di Reggio Calabria di fare traghettare i nuclei familiari con bambini piccoli, a tutela dei minori.

Il rappresentante del Governo reggino li ha messi a disposizione dell’autorità sanitaria siciliana, e Musumeci ha scelto di “accompagnarli” alla quarantena volontaria nella struttura ricettiva di Tremestieri, dove sono sbarcati dal traghetto proveniente da Reggio, porto dove erano stati dirottati dopo l‘asserragliamento a Villa San Giovanni.

La protesta è esplosa immediatamente e non sono mancati i momenti di tensione, come quando una donna ha minacciato di buttarsi da una finestra, se le fosse stato impedito di ripartire. Una parte di loro è infatti fermamente decisa a rientrare nel campo rom di Siracusa, dove vivono e dove erano stati autorizzati al rientro con disposizione del Viminale.

Nella serata, dopo una giornata di estenuante lavoro di Questura e Prefettura, le acque sembrano essersi calmate ma per le persone in “quarantena volontaria” all’interno della struttura è difficile accettare la situazione, incomprensibile la decisione di non farli proseguire.

Il Prefetto Maria Carmela Librizzi ha assicurato che la struttura sarà seguita, e infatti nell’hotel è attivo un presidio di Polizia, col personale che si alterna 24 ore su 24. Per quello che è stato possibile verificare, tra le famiglie che si trovano attualmente nella struttura non ci sono persone sintomatiche.

Oggi a spegnere il rischio di un focolaio di proteste e disordini è stato il delicatissimo lavoro degli agenti del Questore Vito Calvino, diretti da Capo di Gabinetto Enzo Coccoli e supportati dalle Volanti, guidati da Giovanni Puglionisi.

Sono stati loro a spiegare alle tante donne e uomini che vorrebbero tornare a casa che cos’è una quarantena, perché è stata adottata la decisione di fermarli a Messina e quali sono le regole alle quali devono attenersi, in attesa che per loro venga presa una direttiva più appropriata.

Importante è stato anche il supporto della Protezione civile, che, su disposizione dell’assessore Massimo Minutoli, ha fatto la spesa per quanti sono nella struttura

Articoli correlati

Tag:

Una donazione per un grande progetto di informazione

Abbiamo cercato in questi anni di offrirvi un'informazione puntuale e approfondita, estranea ad ogni condizionamento e sempre al passo con l'innovazione.  Così abbiamo raggiunto importanti traguardi. Ma non ci basta: vogliamo ampliare la nostra attività di informazione con più inchieste, più contenuti video e una più solida presenza nei diversi comprensori delle città metropolitane di Messina e Reggio Calabria.

E' un progetto ambizioso per il quale vi chiediamo di darci una mano effettuando una donazione: se ognuno di voi darà anche  un piccolo contributo economico, il risultato sarà eccezionale e Tempostretto sarà ancora più efficace e “vostro”.

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto.it - Quotidiano on line della Città Metropolitana di Messina

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Rosaria Brancato direttore responsabile-coordinatrice di redazione.
info@tempostretto.it

Telefono 090.9018992

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007