La Matassa mafia-politica a Messina, processo verso la sentenza - Tempostretto

La Matassa mafia-politica a Messina, processo verso la sentenza

Alessandra Serio

La Matassa mafia-politica a Messina, processo verso la sentenza

giovedì 13 Dicembre 2018 - 23:38
Giudiziaria
La Matassa mafia-politica a Messina, processo verso la sentenza

E' ad un passo dalla fine il processo scaturito dall'operazione Matassa, l'inchiesta della Squadra Mobile di Messina sui nuovi equilibri mafiosi a Santa Lucia sopra Contesse e Camaro che ha coinvolto anche alcuni importanti esponenti politici, "incastrati" dalle conversazioni con i referenti dei clan, nella stagione elettorale 2012-2013.

Nella lunga lista degli imputati, in attesa del verdetto ci sono anche i nomi eccellenti di Francantonio Genovese, il cognato Franco Rinaldi, gli ex consiglieri comunali Giuseppe Capurro e Paolo David e Paolo Siracusano, "grande elettore" genovesiano.

La prossima udienza è prevista per l'8 gennaio 2018 e servirà per depositare le intercettazioni telefoniche che la Procura ha chiesto di far entrare nel fascicolo, a chiusura del dibattimento.

Poi, se non ci sono altre eclatanti novità, la Corte darà la parola all'Accusa per tirare le conclusioni e formulare le richieste, quindi ai difensori per le arringhe finali.

Alla scorsa udienza, chiuso il dibattimento, la Corte ha scarcerato Angelo Pernicone e Francesco Foti, tornati definitivamente in libertà. Sono difesi dagli avvocati Alessandro Billè e Salvatore Silvestro.

Pernicone, imprenditore del settore coop e servizi, accusto di concorso esterno, è stato a sua volta uno dei grandi accusatori del così detto "livello politico" di questo processo. Agli atti sono entrate anche le rivelazioni del neo pentito Vincenzo Nunnari.

Il dibattimento è durato quasi due anni, e a parte le dichiarazioni di Nunnari e dei Pernicone, non ha registrato grossi colpi di scena sul piano dei rapporti tra i clan e gli esponenti politici impegnati nelle regionali prima e nelle amministrative di Messina poi.
Nessuno degli imputati "politici" si è seduto sul banco dei testimoni, ad eccezione di Capurro, difeso dall'avvocato Nino Cacia, che si è sottoposto all'esame del Pubblico Ministero, fornendo la sua versione dei fatti.

Per tutti gli approfondimenti LEGGI QUI

Tag:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto.it - Quotidiano on line della Città Metropolitana di Messina

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Rosaria Brancato direttore responsabile-coordinatrice di redazione.

Danila La Torrevice coordinatrice di redazione.

info@tempostretto.it

Telefono 090.9018992

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007