Il rasoio di Occam - Tempostretto

Il rasoio di Occam

Redazione

Il rasoio di Occam

mercoledì 15 Gennaio 2020 - 07:57

Il rasoio di Occam, produzione Clan degli Attori che ha debuttato in prima nazionale l’11 maggio 2019, torna in scena venerdì 17 e sabato 18 gennaio alle ore 21:30 ed ancora domenica 19 gennaio alle ore 18:30 al Clan Off Teatro. Lo spettacolo, frutto dell’incontro drammaturgico tra Giusi Arimatea e Giovanni Maria Currò, che ne ha curato anche la regia, torna negli spazi di via Trento, dopo aver riscosso gran favore di pubblico e critica al debutto.

In scena tre uomini – gli attori Alessio Bonaffini, Tino Calabrò, Mauro Failla – alle prese con una realtà sempre sul punto di travolgerli. Tra le note delle ultime hit del momento a dimenarsi inconsapevolmente tra ciò che sembra e ciò che realmente è. Ad accompagnare la narrazione le voci di Antonio Alveario, Ivan Giambirtone ed Elisabeth Agrillo.

Il rasoio di Occam

Dalla radio arrivano anche al Sud i fatti che il 9 maggio 1978 segnarono l’Italia. E nel palcoscenico della grande storia si innesta quella infinitamente piccola di tre uomini, ciascuno con un passato da dimenticare e un futuro ancora da scrivere. Tutto quanto direttamente o trasversalmente li investe necessita una spiegazione. La teoria del rasoio di Occam, principio metodologico enunciato dal monaco inglese Guglielmo di Occam, propenderebbe per quella più semplice.

Note al testo – di Giusi Arimatea e Giovanni Maria Currò

Degli anni Settanta noi custodiamo ricordi frammentari. Eravamo ancora bambini, eppure a quegli anni ci sentiamo intimamente, talora malinconicamente, legati. I tre personaggi protagonisti della storia sono lieti strascichi della nostra memoria. Occupavano chissà quale anfratto della mente e inaspettatamente hanno preso vita. A ognuno avremmo potuto dare un paio di nomi. Persone che hanno affollato la nostra infanzia. Ricordi personali e comuni.

Interessati alle loro anime, abbiamo lasciato si costruissero sulla carta, parola dopo parola, passo dopo passo. E abbiamo preteso che non lo facessero in un giorno qualunque.

Il 9 maggio 1978 svela il cadavere di Aldo Moro in via Caetani, nella Renault 4 rossa che diventò il simbolo degli anni di piombo. Una morte eccellente a catalizzare l’attenzione di un’Italia intera. Ed è grazie alla radio che la cronaca nazionale irrompe in un tipico salone da barba del Sud, ove la grande storia per qualche ora si mescola a quella infinitamente piccola di tre uomini alle prese con una quotidianità all’apparenza tranquilla e acque interiori sempre sul punto di travolgerli. Tra le note delle ultime hit del momento, contraltare alle disarmonie dell’esistenza, inconsapevolmente ci si dimena tra ciò che sembra e ciò che realmente è. A quanto pare braccati, eppure liberi per la prima volta di essere. Ognuno ha un passato da dimenticare e un futuro in parte da scrivere. Tutti parimenti distanti da quel mare che è a un passo, inafferrabile fantasma della vita e limes innanzi al quale arrendersi.

L’isolamento che per taluni vuol dire salvezza per altri è una trappola. E lì mette radici e prospera la frustrazione. Lì sfumano i confini della grande storia e rimane l’uomo, un mondo in miniatura. Unico ponte possibile tra gli individui la parola, atto politico per eccellenza, arredo dei luoghi disabitati dell’anima. Tutto quanto, in una mattina qualunque, direttamente o trasversalmente investe i tre uomini necessita allora una spiegazione: la teoria del rasoio di Occam propenderebbe per quella più semplice.

Note di regia – di Giovanni Maria Currò

Avevo in mente tre personaggi. Ho chiesto a Giusi Arimatea di immaginare una storia entro cui dar loro vita e il giorno dopo ho ricevuto quel testo sul quale abbiamo lavorato nei mesi successivi e che poi è diventato “Il rasoio di Occam”. L’intento era quello di sfiorare appena la realtà degli anni e Settanta, piuttosto addentrarci nella psiche di tre diversi individui. Crediamo fortemente nell’incontro con l’altro e nella comunicazione che accorci significativamente le distanze, rendendo tutti un po’ meno soli. Abbiamo così tracciato coordinate ben precise della personalità di ciascuno, quindi li abbiamo gradatamente messi in relazione.

Certo è che andava indagato a fondo l’animo di ciascun personaggio e a ciò ci siamo dedicati, noi e gli attori, durante una lunga e imprescindibile fase di studio della drammaturgia.

L’idea che stava alla base, prima che Giusi Arimatea ci lavorasse per il teatro, aveva il medesimo taglio cinematografico al quale mi sono ispirato a livello registico. Scene, luci, costumi e musiche sono state infatti concepite sulla scorta dell’idea di teatro che avevo in mente per questo spettacolo. Non so se può dirsi una sfida portare un po’ di cinema a teatro, ma “Il rasoio di Occam” nasce e cresce entro i margini di questa sfida e non avrei potuto consegnarlo in altra maniera.

Il rasoio di Occam

Venerdì 17 gennaio, ore 21.30

Sabato 18 gennaio, ore 21.30

Domenica 19 gennaio, ore 18.30

Tag:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Commenta
Tempostretto - Quotidiano online delle Città Metropolitane di Messina e Reggio Calabria

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Carmelo Caspanello direttore responsabile-coordinatore di redazione.
info@tempostretto.it

Telefono 090.9412305

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007