L'agguato fallito a Cuscinà, resta tentato omicidio l'accusa per Gatto e Cutè - Tempo Stretto - Ultime notizie da Messina e Reggio Calabria

L’agguato fallito a Cuscinà, resta tentato omicidio l’accusa per Gatto e Cutè

Alessandra Serio

L’agguato fallito a Cuscinà, resta tentato omicidio l’accusa per Gatto e Cutè

sabato 28 Dicembre 2019 - 07:30
L’agguato fallito a Cuscinà, resta tentato omicidio l’accusa per Gatto e Cutè

La Dda di Messina ha chiuso le indagini e malgrado Cutè si sia discolpato anche lui resta accusato del fallito agguato a Giostra, insieme al figlio del boss Gatto

Resta tentato omicidio in concorso l’accusa per Paolo Gatto e Giuseppe Cutè, arrestati nel settembre scorso per l’agguato ai danni di Francesco Cuscinà, ferito a Giostra il 25 agosto 2018. I carabinieri della Compagnia Messina Centro, ai comandi del Capitano De Alescandris, hanno concluso gli accertamenti e la Direzione distrettuale antimafia, letto il materiale raccolto anche dopo l’arresto di entrambi, ha concluso le indagini e notificato ai due il relativo avviso di conclusione, che cristallizza l’accusa da cui dovranno difendersi.

Agli interrogatori di garanzia, qualche giorno dopo essere finiti in carcere, Gatto aveva scelto di non rispondere, mentre Cutè si era discolpato, dichiarandosi innocente e chiamandosi fuori dal delitto non consumato. Ma evidentemente il magistrato titolare del caso – l’aggiunto Rosa Raffa – non gli crede. Contro di lui ci sono soprattutto due elementi: un sms scambiato tra i due la mattina del ferimento, ma soprattutto le molte conversazioni intercettate tra madre e figlio a casa Gatto e sul telefono della donna, la moglie del boss “Puccio”, oggi ancora al carcere duro.

L’avviso di chiusura delle indagini non contiene altri indagati: nessun altro, quindi, viene chiamato in causa nella vicenda. Adesso i difensori del figlio del boss e del complice, gli avvocati Salvatore Silvestro e Alessandro Billè, dovranno decidere quali altri passi compiere, in particolare se attendere le prossime mosse della Procura o tentare un’altra carta, con un ulteriore confronto col giudice.

Intanto lo scorso 20 dicembre Cutè è stato coinvolto anche nel blitz antimafia della Polizia battezzato Predominio sugli affari degli ex pentiti che tentavano di riorganizzarsi all’interno del clan di Giostra. Anche il fallito agguato a Cuscinà a Giostra è stato “sistemato” dagli ex pentiti, nel corso di un vertice avvenuto alla trattoria “Il sikulo” di Largo Seggiola.

Articoli correlati

Tag:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto.it - Quotidiano on line della Città Metropolitana di Messina

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Rosaria Brancato direttore responsabile-coordinatrice di redazione.
info@tempostretto.it

Telefono 090.9412305

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007

x