Ponte sullo Stretto. Conte: “Ipotesi tunnel ma prima l’alta velocità in Sicilia”. Cioè non si fa nulla - Tempo Stretto - Ultime notizie da Messina e Reggio Calabria

Ponte sullo Stretto. Conte: “Ipotesi tunnel ma prima l’alta velocità in Sicilia”. Cioè non si fa nulla

Marco Ipsale

Ponte sullo Stretto. Conte: “Ipotesi tunnel ma prima l’alta velocità in Sicilia”. Cioè non si fa nulla

martedì 11 Agosto 2020 - 07:00
Ponte sullo Stretto. Conte: “Ipotesi tunnel ma prima l’alta velocità in Sicilia”. Cioè non si fa nulla

Il presidente del Consiglio rinvia tutto alle calende greche. Prima l'alta velocità, ma sulla Salerno - Reggio e la Messina - Palermo, ad esempio, non ci sono soldi

Il ponte sullo Stretto? “Quando completeremo il piano ferroviario si porrà il problema. Non posso dire faremo il ponte, non ci sono i presupposti, dobbiamo prima realizzare l’alta velocità fino a Reggio Calabria e poi in Sicilia. Dobbiamo porci il problema quando si realizzeranno le condizioni. Se del caso anche sottomarino, tutte le ipotesi sono aperte ma lo faremo a tempo debito”.

Così il presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, ospite di un evento a Ceglie Messapica, in provincia di Brindisi.

Tradotto? Non si fa nulla. Tutto rinviato “a tempo debito”, cioè tra qualche decennio. A giugno aveva prima detto che avrebbe valutato l’opera “senza pregiudizi”, poi che se ne sarebbe parlato dopo “le altre opere in Sicilia”, senza specificare quali fossero.

C’è sempre un qualcosa da fare prima, che poi non si fa, senza pensare che le cose andrebbero fatte contemporaneamente. Che al sud servirebbero investimenti plurimiliardari su tanti settori per colmare il divario col resto d’Italia e d’Europa, ma è più facile concentrarsi solo su poche cose, per poi fare passare anni facendo poco o nulla.

Il “dopo” di questa volta è l’alta velocità ferroviaria fino a Reggio Calabria e poi in Sicilia. Ma cosa hanno fatto i Governi che si sono succeduti negli ultimi anni per raggiungere questo obiettivo?

La ferrovia Salerno – Reggio Calabria

L’alta velocità italiana si ferma a Salerno. Quanto costerebbe per farla arrivare a Reggio Calabria? Circa 20 miliardi, il costo di 4 ponti sullo Stretto. Cos’ha pensato allora il Governo? L’alta velocità di rete, cioè velocità massima 200 km/h, rispetto ai 300/350 della Salerno – Milano. Ma in questo caso il risparmio di tempo sarà minimo: dalle attuali 4 ore e 50 minuti sulla tratta Reggio Calabria – Roma si potrebbe arrivare a 4 ore e 30. Senza contare che si tratta di una soluzione al momento indisponibile, visto che per il periodo estivo Trenitalia (e anche Italo) ha scelto di inserire tantissime fermate al sud sulle Frecce, praticamente equiparando i tempi a quelli dei vecchi Intercity.

Se si considerano i tempi di attesa sullo Stretto di Messina negli ultimi giorni, fino a 4 ore, e che comunque per traghettare in treno servono 2 ore per tutto l’anno, si capisce che, se proprio si deve parlare di priorità (ma è un concetto sbagliato) bisognerebbe darla al Ponte più che alla linea Salerno – Reggio.

In ogni caso, quanti sono i soldi attualmente finanziati per quest’opera? Solo 40 milioni per il progetto, con un annuncio di finanziamento di 3 miliardi nel 2021. Una cifra irrisoria se si considera che basterebbe a malapena per la variante Ogliastro – Sapri.

L’alta velocità di rete in Sicilia

Andiamo in Sicilia. Dal 2013 si parla di alta velocità di rete sul triangolo ferroviario Messina – Catania – Palermo, che esclude il raddoppio della linea Palermo – Messina, una delle più importanti. Quali lavori sono stati fatti finora? Sono stati avviati (con previsione a fine 2025) quelli sulla tratta Catania Bicocca – Catenanuova (Enna), 38 km, per la parte restante non c’è neanche l’accordo sul tracciato; per il raddoppio della Messina – Catania si attende da tempo la pubblicazione della gara d’appalto, annunciata prima a giugno, poi entro l’estate, poi a ottobre, ora entro l’anno, poi i lavori dureranno dieci anni.

Ancora decenni di attesa

Cosa vuol dire questo? Che un collegamento veloce tra Salerno e Palermo, ad esempio, si potrà avere non prima dei prossimi vent’anni, forse neanche. Che sarebbe comunque assurdo pensare a treni che impieghino due ore da Salerno a Villa San Giovanni e un’ora da Messina a Palermo, cioè tre ore per circa 600 km, e dover aggiungere altre due ore per coprire tre km di mare.

Il concetto espresso da Conte e da altri esponenti del Movimento 5 Stelle, che bisogna fare l’alta velocità prima del ponte, è palesemente sbagliato. Il risultato è che bisognerà aspettare ancora altri decenni prima di avere collegamenti decenti tra Sicilia e Calabria e il resto d’Italia. In un contesto in cui le due regioni continuano a svuotarsi di giovani che vanno altrove in cerca di futuro. Una situazione che non cambia all’alternarsi dei Governi nazionali, anche se i vertici sono meridionali.

Articoli correlati

Tag:

Una donazione per un grande progetto di informazione

Abbiamo cercato in questi anni di offrirvi un'informazione puntuale e approfondita, estranea ad ogni condizionamento e sempre al passo con l'innovazione.  Così abbiamo raggiunto importanti traguardi. Ma non ci basta: vogliamo ampliare la nostra attività di informazione con più inchieste, più contenuti video e una più solida presenza nei diversi comprensori delle città metropolitane di Messina e Reggio Calabria.

E' un progetto ambizioso per il quale vi chiediamo di darci una mano effettuando una donazione: se ognuno di voi darà anche  un piccolo contributo economico, il risultato sarà eccezionale e Tempostretto sarà ancora più efficace e “vostro”.

7 commenti

  1. Infatti ,tutto congelato e noi siciliani viviamo in un perenne limbo ,con i giovani che vanno via !
    Senza infrastrutture il territorio muore.

    2
    3
  2. Fantasticherie da allucinato perche non inizia con l’alta velocità ad ultimare il ponte al Boccetta visto che a Genova ci sono riusciti.

    1
    2
  3. Esiste un progetto, l’unico valido dopo decine di studi diversi. Esiste un appalto assegnato. Creare l’alta velocità in Calabria e Sicilia pretenderà anni di studi di fattibilità e la renderà un’opera monca, come l’ampliamento della rete autostradale attuale. Questa sono solo volgari scuse per perdere tempo, dopo tutto il motto di chi è al governo era, e resta: no opere, dobbiamo decrescere.

    3
    3
  4. Se anche adesso non faremo sentire la nostra voce e paradossalmente soprattutto a livello regionale, ci metteranno i piedi sulla testa e non faranno niente per la città di Messina (non ci dobbiamo stupire di questo perché persino i politici messinesi traditori ci hanno truffato negli ultimi cinquant’anni). Bisogna protestare e scendere in piazza!

    1
    1
  5. Ci sono 700 metri di profondità nello stretto,i tecnici hanno sempre detto che non si può fare,i treni dovrebbero entrare in galleria perlomeno a Sapri,la galleria dei Giovi ha una pendenza del 35 per 1000 verrebbero saltate Messina e Villa S Giovanni,mi sembra un assurdità.

    1
    1
  6. Ma vatinni

    1
    0
  7. Ormai è scontato che la colpa dei nostri mali sia il ponte che non c’è. Lo sviluppo della Sicilia non è ostacolato da altro. La mafia evidentemente è stata sconfitta, il clientelismo,il nepotismo, i voti di scambio sono spariti. I numero dei nostri laureati hanno raggiunto la media nazionale, i nostri politici non sono più i manciafranchi di una volta. Ci manca solo il ponte ( o il tunnel) e poi saremo una regione civile e sviluppata.

    2
    1

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto.it - Quotidiano on line della Città Metropolitana di Messina

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Rosaria Brancato direttore responsabile-coordinatrice di redazione.
info@tempostretto.it

Telefono 090.9018992

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007