Rimosso il Quadro della vergogna dall'Aula: "Messina merita dignità" - Tempo Stretto - Ultime notizie da Messina e Reggio Calabria

Rimosso il Quadro della vergogna dall’Aula: “Messina merita dignità”

Redazione

Rimosso il Quadro della vergogna dall’Aula: “Messina merita dignità”

giovedì 02 Gennaio 2020 - 18:12
Rimosso il Quadro della vergogna dall’Aula: “Messina merita dignità”

Il 2020 inizia con un gesto concreto e simbolico da parte dell'Ufficio di Presidenza del Consiglio comunale

Detto, fatto. Senza tanti proclami ed in tempi europei, l’ufficio di presidenza del Consiglio comunale è passato dalle parole ai fatti. Ed il 2020 inizia con la rimozione del cosiddetto “quadro della vergogna” dall’Aula consiliare, finito al centro di proteste ormai da anni.

Via il Quadro della vergogna

Di buon mattino gli operai si sono messi al lavoro per rimuovere la fotocopia (peraltro ormai scolorita) del quadro “Messina Restituita alla Spagna” che campeggia su una delle pareti dell’Aula consiliare da quasi 20 anni.

L’annuncio della rimozione del quadro risale a novembre, a conclusione di un incontro che si è tenuto nell’Aula di Palazzo Zanca ed organizzato dall’associazione La Sicilia ai siciliani. Già nei mesi precedenti per la verità l’ufficio di presidenza del Consiglio aveva sposato la proposta di Serena Giannetto che ne chiedeva la rimozione, seguendo così una posizione che nei precedenti mandati avevano preso gli ex consiglieri Tanino Caliò prima e Piero Adamo poi.

“Messina merita dignità”

Oggi – dichiarano in una nota il presidente del Consiglio comunale Claudio Cardile, insieme al vicepresidente vicario Nino Interdonato e al vicepresidente Serena Giannetto, – è stato rimosso dall’Aula consiliare di Palazzo Zanca la brutta riproduzione del quadro ‘Messina Restituita alla Spagna’. Non potevamo consentire che rimanesse ancora in aula la copia sbiadita di un’opera che indica la sottomissione della città di Messina alla Spagna. La sala del Consiglio comunale rappresenta il cuore della città stessa e deve riacquisire la dignità che merita anche attraverso questo gesto”.

Un concorso di idee

Adesso, così come stabilito di concerto con il Presidente della Commissione Cultura Pietro La Tona sarà predisposto un bando per un concorso di idee che veda protagonisti artisti e studenti messinesi al fine di realizzare un’opera d’arte che possa dare lustro alla Città.

Messina vilipesa

Quel quadro (l’originale è al museo del Prado a Madrid), opera di Giordano, rappresenta una Messina umiliata e punita dopo essere insorta contro la Spagna. Nell’Allegoria la nostra città appare ferita, svestita, presa a calci da un soldato, mentre alcuni putti portano via i privilegi che avevano fatto di Messina una protagonista di primo piano.

La fotocopia dell’opera è stata collocata nell’Aula consiliare a conclusione di una mostra, nel ’94 che aveva portato, purtroppo solo temporaneamente, a riportare in città alcune delle pergamene sottratte. Chissà per quale masochistico motivo è rimasta affissa nell’Aula che rappresenta il massimo organo rappresentativo della città, ovvero il Consiglio comunale…..

Articoli correlati

Tag:

Una donazione per un grande progetto di informazione

Abbiamo cercato in questi anni di offrirvi un'informazione puntuale e approfondita, estranea ad ogni condizionamento e sempre al passo con l'innovazione.  Così abbiamo raggiunto importanti traguardi. Ma non ci basta: vogliamo ampliare la nostra attività di informazione con più inchieste, più contenuti video e una più solida presenza nei diversi comprensori delle città metropolitane di Messina e Reggio Calabria.

E' un progetto ambizioso per il quale vi chiediamo di darci una mano effettuando una donazione: se ognuno di voi darà anche  un piccolo contributo economico, il risultato sarà eccezionale e Tempostretto sarà ancora più efficace e “vostro”.

3 commenti

  1. Questa idiozia ,che la rimozione di un pezzo della nostra storia possa ridare dignità alla città è una delle peggiori oscenità che si possano immaginare. Con lo stesso principio i berlinesi avrebbero dovuto abbattere quel poco lasciato in piedi dagli americani ad imperituro ricordo dei crimini nazisti. Ma si può ragionare in modo tanto elementare? Il ricordo non umilia, è l’atteggiamento a farlo semmai. Idiozie da populismo di inizio 2020.

    1
    1
  2. Perché non mettere un bel panorama della nostra città vista dal mare o una bella pianta planimetrica di eguale significato?

    0
    0
  3. Giovanni Antonio Lando 2 Gennaio 2020 22:49

    Perché non mettere un bel panorama della nostra città vista dal mare o una bella pianta planimetrica di eguale significato?

    0
    0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto.it - Quotidiano on line della Città Metropolitana di Messina

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Rosaria Brancato direttore responsabile-coordinatrice di redazione.

Danila La Torrevice coordinatrice di redazione.

info@tempostretto.it

Telefono 090.9018992

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007