Taormina. "Sconto covid", la fase 2 controcorrente del bar sul Corso di Vittorio - Tempo Stretto - Ultime notizie da Messina e Reggio Calabria

Taormina. “Sconto covid”, la fase 2 controcorrente del bar sul Corso di Vittorio

Carmelo Caspanello

Taormina. “Sconto covid”, la fase 2 controcorrente del bar sul Corso di Vittorio

martedì 26 Maggio 2020 - 17:55
Taormina. “Sconto covid”, la fase 2 controcorrente  del bar sul Corso di Vittorio

Il titolare: "Mercato paralizzato, non sappiamo quando torneranno i turisti. Doveroso dare fiducia ai clienti"

TAORMINA – Al tempo della crisi causata del coronavirus, in cui in tutta Italia si pensa ad aumentare i prezzi per far fronte ai danni economici causati dall’emergenza ed alle nuove necessità (a partire dalla continua sanificazione dei locali), a Taormina c’è un esercente che attua la strategia opposta. Ed applica non una maggiorazione bensì uno “sconto Covid”. Pari al 10%.

L’iniziativa, nel bar di Vittorio Conti (nella foto insieme al figlio), gestito insieme alla moglie Rita e al figlio Achille, ha preso il via domenica. Il primo giorno di apertura dopo il lockdowun. Siamo sul corso Umberto, il salotto della capitale siciliana del turismo. “Il mercato – ci dice il titolare del locale – è paralizzato. E la cosa più grave è che non sappiamo quando torneranno i turisti, gli stranieri, la cui assenza sta facendo soffrire la nostra città, come tante altre che vivono di turismo. Abbiamo quindi pensato, in questo momento di grave difficoltà – prosegue Vittorio –  di dare un segnale e, soprattutto, di dare fiducia ai nostri ospiti, ai clienti”.

E così nel suo bar il caffè, giusto per fare un esempio, sia al banco quanto al tavolo, costa il 10% in meno rispetto a prima dell’epidemia. Prezzi contenuti, insomma, per far tornare la gente ad acquistare. “Dobbiamo ripartire dimostrando rispetto – dice con convinzione il responsabile dell’attività – in un momento complicato per tutti, in cui sta iniziando ad emergere una grande voglia di uscire da questo incubo e di lasciarci alle spalle la pandemia”.

Domenica è stato il primo giorno, dopo oltre due mesi, in cui Corso Umberto si è ripopolato. “Ma è stata una… invasione ordinata – conclude Vittorio – solo una sparuta minoranza era senza mascherina e tutti hanno seguito le regole che riguardano in particolare l’accesso ai locali”. Vittorio Conti parla, tra l’altro, con la forza dell’esperienza che ha maturato come amministratore, avendo ricoperto il ruolo di assessore negli anni passati. Conosce bene la macchina del turismo di questa città, costretta a fermarsi con una modalità che non ha precedenti. Qui più che altrove ripartire (nella massima sicurezza) è vitale. Ma non è semplice se si considera che le maggiori entrate sono legate agli stranieri. (Carmelo Caspanello)

Articoli correlati

Una donazione per un grande progetto di informazione

Abbiamo cercato in questi anni di offrirvi un'informazione puntuale e approfondita, estranea ad ogni condizionamento e sempre al passo con l'innovazione.  Così abbiamo raggiunto importanti traguardi. Ma non ci basta: vogliamo ampliare la nostra attività di informazione con più inchieste, più contenuti video e una più solida presenza nei diversi comprensori delle città metropolitane di Messina e Reggio Calabria.

E' un progetto ambizioso per il quale vi chiediamo di darci una mano effettuando una donazione: se ognuno di voi darà anche  un piccolo contributo economico, il risultato sarà eccezionale e Tempostretto sarà ancora più efficace e “vostro”.

Un commento

  1. Bravi.
    Non hanno perso tempo a piangersi addosso o a segnalare le presunte colpe del Comune, della Regione o dello Stato. Rimboccarsi le maniche e andare avanti.
    Bravi.

    0
    0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto.it - Quotidiano on line della Città Metropolitana di Messina

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Rosaria Brancato direttore responsabile-coordinatrice di redazione.
info@tempostretto.it

Telefono 090.9018992

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007