Vilipendio, De Luca ringrazia Bonafede: «Ha assecondato il capriccio della Lamorgese» - Tempo Stretto - Ultime notizie da Messina e Reggio Calabria

Vilipendio, De Luca ringrazia Bonafede: «Ha assecondato il capriccio della Lamorgese»

Redazione

Vilipendio, De Luca ringrazia Bonafede: «Ha assecondato il capriccio della Lamorgese»

lunedì 22 Giugno 2020 - 16:32
Vilipendio, De Luca ringrazia Bonafede: «Ha assecondato il capriccio della Lamorgese»

Con tanto di foto con linguaccia, De Luca commenta il via libera del Ministro della Giustizia alla Procura di Messina per la denuncia per vilipendio. Aveva mandato a quel paese il Ministro dell'Interno

Nonostante “l’auto esilio” a Fiumedinisi, il sindaco Cateno De Luca non è rimasto in silenzio di fronte alla notizia che la Procura potrà procedere nei suoi confronti dopo gli insulti rivolti alla Ministra Lamorgese. Dal Ministero alla Giustizia è arrivato il via libera per la Procura, la denuncia del Viminale potrebbe costare un nuovo processo al sindaco di Messina. Che risponde così: «Grazie signor ministro della Giustizia per aver assecondato il capriccio della ministra degli Interni Luciana Lamorgese: processare l’impertinente sindaco di Messina per il delitto di lesa maestà». Con tanto di foto correlata con linguaccia sul suo profilo Facebook.

De Luca definisce “capriccio” la denuncia per vilipendio della Repubblica che pesa sulla sua testa. «Potevo accettare l’implicito compromesso di Stato rinunciando a non impugnare la delibera della presidenza del Consiglio dei Ministri di annullamento della banca dati “si passa a condizione” ed evitare così il processo per vilipendio? Assolutamente no» dice il sindaco. Che pochi giorni fa ha fatto ricorso al Tar del Lazio proprio contro il decreto con cui il Presidente della Repubblica Mattarella aveva avallato decisione del Consiglio dei Ministri di annullare l’ordinanza sindacale che introduceva dall’8 aprirle la banca dati per l’attraversamento dello stretto di Messina.

Per De Luca è questo il motivo per cui oggi il Ministro Bonafede ha dato il via libera alla Procura di procedere. «Appresa la notizia della mia opposizione, la ministra Luciana Lamorgese è andata su tutte le furie e così il povero ministro della Giustizia non ha avuto scelta ed ha dovuto concedere l’autorizzazione alla Procura della Repubblica di Messina di processarmi per il reato di vilipendio perché avevo osato mandare a fare in c… il ministero degli interni, autore e difensore del sistema di controlli farlocchi sullo stretto di Messina. Se non avessi fatto questa delibera probabilmente non sarei stato processato. Ma io già il 3 aprile avevo chiesto di essere processato perché non accetto i compromessi di Stato». 

Articoli correlati

Tag:

Una donazione per un grande progetto di informazione

Abbiamo cercato in questi anni di offrirvi un'informazione puntuale e approfondita, estranea ad ogni condizionamento e sempre al passo con l'innovazione.  Così abbiamo raggiunto importanti traguardi. Ma non ci basta: vogliamo ampliare la nostra attività di informazione con più inchieste, più contenuti video e una più solida presenza nei diversi comprensori delle città metropolitane di Messina e Reggio Calabria.

E' un progetto ambizioso per il quale vi chiediamo di darci una mano effettuando una donazione: se ognuno di voi darà anche  un piccolo contributo economico, il risultato sarà eccezionale e Tempostretto sarà ancora più efficace e “vostro”.

7 commenti

  1. Il tempo per le spacconate lo trova sempre.

    13
    2
  2. Ma com’è sollecito Bonafede con De Luca……di tutto il resto che sta capitando non sa mai niente, cade dalle nubi, direbbe il mitico Checco Zalone….

    6
    11
  3. Chi semina vento …..

    11
    2
  4. Grazie di cuore!

    0
    2
  5. finalmente si toglie dalle scatole, questo sindaco

    6
    2
    1. purtroppo non basta

      1
      0
  6. È da ricoverare questo de luca

    5
    2

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto.it - Quotidiano on line della Città Metropolitana di Messina

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Rosaria Brancato direttore responsabile-coordinatrice di redazione.
info@tempostretto.it

Telefono 090.9018992

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007