Scontro De Luca-Lamorgese: sì del Ministro Bonafede a procedere contro il sindaco di Messina - Tempo Stretto - Ultime notizie da Messina e Reggio Calabria

Scontro De Luca-Lamorgese: sì del Ministro Bonafede a procedere contro il sindaco di Messina

Francesca Stornante

Scontro De Luca-Lamorgese: sì del Ministro Bonafede a procedere contro il sindaco di Messina

lunedì 22 Giugno 2020 - 12:51
Scontro De Luca-Lamorgese: sì del Ministro Bonafede a procedere contro il sindaco di Messina

Il Ministro dell'Interno Luciana Lamorgese aveva denunciato De Luca per vilipendio della Repubblica. Adesso la Procura può procedere

Il ministro della Giustizia Alfonso Bonafede ha autorizzato la Procura di Messina a procedere nei confronti del sindaco della Citta’ dello Stretto, Cateno De Luca, accusato del reato di vilipendio previsto dall’articolo 290 del codice penale. De Luca era stato iscritto nel registro degli indagati a fine marzo dopo la denuncia del ministro dell’Interno Luciana Lamorgese.

Per questo genere di reati, perché si possa poi esercitare l’azione penale attraverso la richiesta di rinvio a giudizio o di emissione di decreto penale di condanna, è necessaria l’autorizzazione del Guardasigilli. (ANSA).

I giorni del Coronavirus

Una vicenda che riporta ai giorni della piena emergenza Coronavirus. Erano i giorni dell’ordinanza che “si passa a condizione” per il transito sullo Stretto e De Luca mandò a quel paese più volte il Viminale e il Ministro Lamorgese, accusando Roma di non garantire i necessari controlli e le misure per impedire che il virus potesse arrivare in Sicilia.

Il 26 marzo il Ministro dell’Interno Luciana Lamorgese decise di denunciare il sindaco di Messina per vilipendio della Repubblica. Il Viminale spiegò che la decisione era arrivata «a seguito delle parole gravemente offensive e lesive dell’immagine per l’intera istituzione che lei rappresenta, pronunciate pubblicamente e con toni minacciosi e volgari». De Luca aveva replicato attaccando ancora più a muso duro, parlando di “lupara di Stato” nei suoi confronti. Ma per procedere, la Procura doveva avere l’autorizzazione del Ministero della Giustizia. De Luca addirittura lanciò un messaggio al Ministro Bonafede affinché desse il via libera al procedimento contro di lui. «Il Ministro alla Giustizia autorizzi senza indugio, in tribunale porterò la documentazione che dimostra il crimine di Stato» commentò il sindaco.

Articoli correlati

Tag:

Una donazione per un grande progetto di informazione

Abbiamo cercato in questi anni di offrirvi un'informazione puntuale e approfondita, estranea ad ogni condizionamento e sempre al passo con l'innovazione.  Così abbiamo raggiunto importanti traguardi. Ma non ci basta: vogliamo ampliare la nostra attività di informazione con più inchieste, più contenuti video e una più solida presenza nei diversi comprensori delle città metropolitane di Messina e Reggio Calabria.

E' un progetto ambizioso per il quale vi chiediamo di darci una mano effettuando una donazione: se ognuno di voi darà anche  un piccolo contributo economico, il risultato sarà eccezionale e Tempostretto sarà ancora più efficace e “vostro”.

3 commenti

  1. Messina sempre in evidenza………

    7
    0
  2. Nstwviva il duce 22 Giugno 2020 17:05

    La Lamorgese verrà ricordata come uno dei ministri peggiori nella storia della repubblica italiana. Un emerita incapace come i governi che l’ha proposta.

    3
    5
  3. Speriamo che sia l’ultimo atto di questa pandemia politica, x poi finire con 4 cannoli alla ricotta. AUGURI

    0
    0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto.it - Quotidiano on line della Città Metropolitana di Messina

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Rosaria Brancato direttore responsabile-coordinatrice di redazione.
info@tempostretto.it

Telefono 090.9018992

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007