Acr Messina, Novelli: "Forte senso di appartenenza alla squadra". VIDEO - Tempostretto

Acr Messina, Novelli: “Forte senso di appartenenza alla squadra”. VIDEO

Simone Milioti

Acr Messina, Novelli: “Forte senso di appartenenza alla squadra”. VIDEO

giovedì 20 Maggio 2021 - 10:04

Mister Novelli mantiene la calma, i giocatori pregustano il traguardo che si avvicina sempre di più, le dichiarazioni dopo la vittoria del Messina sul Rende

Dopo la convincente vittoria al Franco Scoglio contro il Rende riportiamo le dichiarazioni di allenatore e giocatori dell’Acr Messina, sempre più vicini al loro obiettivo promozione. Mancano 4 giornate e hanno un vantaggio di 4 punti sulla seconda in classifica, ma mister Novelli predica pazienza.

Mister Raffaele Novelli

“A inizio secondo tempo non è stato un problema di approccio, bisogna considerare l’avversario anche. Noi abbiamo fatto la partita, perfetti non lo siamo, abbiamo anche dei difetti e a volte subiamo delle situazioni. Oggi abbiamo avuto una fase in cui abbiamo subito e poi siamo tornati a giocare, bisogna aver pazienza”.

“Sono contento per Ciro ma è una giornata di tutti. Lui finalizza il lavoro della squadre, bravo in questo, giocatore di grande umiltà che si mette a disposizione e ogni giorno cerca di apprendere qualcosa”. Su Costantino che ha dichiarato che questa era la settimana decisiva risponde: “Ogni collega ha le sue idee come ha un suo credo calcistico. Penso che tutti i giorni sono decisivi, se non hai fatto bene in passato non arrivi a oggi in questa situazione”.

“Se posso aggiungere una cosa oggi per me è stata una giornata particolare, perché nei giorni scorsi ho perso una persona a me cara che se ne è andata a 33 anni. Oggi sarebbero stati i suoi funerali, provo dispiacere ma col pensiero che da lassù ci sia felicità. La sofferenza l’abbiamo noi e spesso non apprezziamo i valori della vita”.

“Sabatino dovrebbe riprendere gli allenamenti domani, Arcidiacono dopo tanto tempo è tornato ad allenarsi ieri con noi. Anche Cunzi è sotto osservazione dopo una botta, però un giovane come Crisci ha dimostrato di avere maturità e questo fa parte del senso di appartenenza della squadra che non deve smarrirsi ma dare continuità”.

Cavaliere Emilio, Rende

“Il Rende è durato fino al 2-1, abbiamo alzato il nostro baricentro e giocato la palla nel corto. Pensavamo di mettere in difficoltà i giocatori del Messina ed è stata una situazione che ha creato problemi a loro. Ad un certo punto, oltre la qualità, è venuta fuori l’esperienza del Messina nel gestire determinate situazioni.

Nel nostro momento migliore è arrivato il terzo gol del Messina, fino a quel momento credevo nel pareggio, il 3-1 ci ha tagliato le gambe. Un passivo troppo pesante forse per quello che si è visto in campo, nel primo tempo non abbiamo fatto la partita che avevamo preparato ma siamo stati sfortunati con i due legni.

Per il resto del campionato dobbiamo concentrarci sul lavoro quotidiano, per non perdere di vista l’obiettivo che è salvarci prima della griglia dei playout. I nostri giocatori sono giovani e allenati benissimo tecnicamente da mister Napoli e fisicamente da Costabile, siamo straconvinti di potercela fare”.

Ciro Foggia, Acr Messina

“Oggi era importante tornare a vincere per il bene della squadra. Sono contento anche di essere arrivato a questo traguardo importante con questa maglia, devo ringraziare i miei compagni che mi hanno aiutato a raggiungere 101 gol. Questa è una grande stagione e voglio che rimanda un grande ricordo.

Sapevamo che i nostri avversari avevano anche partite difficile, come detto era importante tornare la vittoria e ci ha permesso di allungare su una e mantenere sempre 4 punti di vantaggio sull’altra. Oggi tre gol diversi, il primo l’ho cercato avevo tanta voglia di segnare dopo un paio di partite a secco. Il secondo il rigore lo volevo per arrivare a quota 100, il terzo ho fatto un gran gol coronando tutta la mia carriera”.

Raffaele Vacca

“I tre punti erano troppo importanti dopo due pareggi consecutivi. Abbiamo avuto un calo fisico a inizio secondo tempo. Ci sta venivamo da due partite ravvicinate, io stesso non giocavo da un po’. Mantenere il ritmo non è facile, abbiamo gestito il vantaggio.

Mancano quattro partite, cerchiamo di vincerle tutte così possiamo festeggiare. Desideriamo tanto festeggiare. Personalmente quando sono stato chiamato in causa questa stagione mi son fatto trovare pronto, qui c’è competizione per giocare ed è giusto così, il mister ruota molto. Io sono a disposizione. Il mio amico Ciro Foggia è tanta roba, come diciamo a Napoli mi sta facendo arricria’”.

Articoli correlati

Tag:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Commenta
Tempostretto - Quotidiano online delle Città Metropolitane di Messina e Reggio Calabria

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Carmelo Caspanello direttore responsabile-coordinatore di redazione.
info@tempostretto.it

Telefono 090.9412305

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007