Coronavirus a Messina. Cub: "Pure la nuova ordinanza del sindaco De Luca è illecita" - Tempo Stretto - Ultime notizie da Messina e Reggio Calabria

Coronavirus a Messina. Cub: “Pure la nuova ordinanza del sindaco De Luca è illecita”

Redazione

Coronavirus a Messina. Cub: “Pure la nuova ordinanza del sindaco De Luca è illecita”

sabato 14 Marzo 2020 - 12:42
Coronavirus a Messina. Cub: “Pure la nuova ordinanza del sindaco De Luca è illecita”

#coronavirus #cub #sindacodeluca Per l'osservatorio urbano della Confederazione unitaria di base, anche la nuova ordinanza è in contrasto col decreto Conte. E invita Ministero e prefetta a intervenire di nuovo

“L’ordinanza numero 61 del sindaco di Messina, Cateno De Luca, che annulla la numero 60, continua ad essere in contrasto con il decreto Conte, contravvenendo così alla diffida della prefetta ed alla comunicazione del Ministero dell’Interno. Riteniamo sia pertanto necessario un ulteriore intervento delle autorità competenti al fine di impedirne l’entrata in vigore”.

Così l’osservatorio dell’urbano della Cub, Confederazione unitaria di base, che ne spiega le ragioni:

• Perché limita l’apertura delle attività alimentari e non alimentari, in contrasto con la previsione del decreto Conte che ne prevede l’apertura per tutto il giorno.
• Perché riducendo la fascia oraria di apertura concentra il pubblico in un minor numero di ore favorendo i concentramenti che il decreto Conte vuole invece eliminare.
• Perché prevedendo più fasce orario per le varie attività crea confusione
rendendo più difficile per i cittadini rispettare le prescrizioni del decreto Conte.
• Perché, prevedendo la igienizzazione giornaliera e la sanificazione a giorni alterni dei locali delle attività economiche, grava i commercianti di ulteriori ed impropri oneri, scoraggiando il mantenimento dell’apertura dei negozi e quindi contravvenendo alle prescrizioni del decreto COnte.
• Perché l’ordinanza non è supportata da nessun parere di commissioni e/o enti competenti in materia igienico-sanitaria che attesti la situazione d’emergenza nel nostro territorio e che anzi l’ordinanza, al fine di cercare di comprovare lo stato d’emergenza, riporta considerazioni palesemente smentibili dai fatti, come la presunta crescita dei casi di infezione dopo gli spostamenti di soggetti da Nord al Sud, ed il presunto incremento dei casi di contagio a Messina sulla base del bollettino della Protezione civile del 13 Marzo che, invece, conferma lo stesso numero di contagiati del 12 Marzo
(9 casi di cui due in provincia).

“La lotta contro la diffusione del coronavirus è una cosa seria che deve vedere tutto il Paese unito e non può essere lasciata alla improvvisazione di un sindaco esibizionista che assume provvedimenti ed atteggiamenti che creano solo confusione, incertezza, paura”.

Articoli correlati

Tag:

4 commenti

  1. nel decreto musumeci di ieri è spiegato bene perche l’ordinanza di de luca è carta straccia!

    L’art.35 del D.L. n.9/2020 vieta l’adozione di ordinanze sindacali contingibili e urgenti dirette a
    fronteggiare l’emergenza in parola con misure in contrasto con quelle statali e quelle regionali di
    recepimento. Pertanto, gli Enti locali che intendono adottare specifiche ordinanze sono tenuti a
    raccordarsi previamente con il Coordinamento della Presidenza della Regione Siciliana per le
    attività necessarie per il contenimento della diffusione del COVID-19 di cui all’articolo 1
    dell’Ordinanza contingibile e urgente n°2 del 26 febbraio 2020. Tale azione di raccordo può
    avvenire tramite l’ANCI-Sicilia ovvero tramite il Dipartimento regionale della Protezione civile.

    1
    0
  2. Io nn ho visto un esibizionista, ho visto una persona preoccupata considerando la capacità infettiva e le scarse risorse sanitarie; e io nn voto quindi il mio commento è sincero… il problema è che qua quando c’è uno che vuole fare una cosa giusta lo prendiamo a calci… siamo un popolo di capre…

    1
    2
  3. il sindaco sarà un esibizionista ma voi siete dei xxxxxxx che criticate un operato di chi sta cercando di salvarci,invitate invece di non uscire per nessun motivo da casa xxxxxxx

    1
    1
  4. Ma davvero ancora non la smette di voler cavalcare l’onda di questa disgrazia per far parlare di sé ??? Mai più di oggi sono contento di non essere un messinese perché di fronte all Italia mi sarei vergognato. Si interessi piuttosto a far rispettare le indicazioni governative !! Mi auguro che possa scattare una denuncia penale e che i messinesi capiscano da chi sono rappresentati !! Vergogna

    1
    0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto.it - Quotidiano on line della Città Metropolitana di Messina

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Rosaria Brancato direttore responsabile-coordinatrice di redazione.
info@tempostretto.it

Telefono 090.9412305

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007

x